Salute

Sanità: cittadini valutano umanizzazione cure, ospedali sopra sufficienza

Da migliorare burocrazia, comunicazione e orari pasti

Roma, 7 nov. (AdnKronos Salute) - Ospedali a misura di pazienti. Dall'accessibilità al comfort, dal rispetto della persona e della sua specificità attraverso processi di assistenza e organizzazione 'ad hoc', all'attenzione alla relazione umana e alla disponibilità di informazioni, semplificazione e trasparenza: le strutture italiane superano, in media, la sufficienza quanto a umanizzazione. E' quanto emerge dalla Ricerca presentata oggi a Roma dall'Agenas (Agenzia per i servizi sanuitari regionali) e dall'Agenzia di valutazione civica di Cittadinanzattiva, che ha coinvolto 287 strutture, 286 associazioni locali, 241 équipe e 594 cittadini in tutt'Italia.

Per la prima volta viene misurato il grado di umanizzazione delle strutture di ricovero pubbliche e private accreditate, attraverso i 'voti' dei cittadini e degli stessi operatori sanitari. Buoni i risultati ottenuti nelle 4 aree simbolo dell'umanizzazione delle cure: processi assistenziali e organizzativi orientati al rispetto e alla specificità della persona (6,45); accessibilità fisica, vivibilità e comfort dei luoghi di cura (6,93); accesso alle informazioni, semplificazione e trasparenza (6,13); cura della relazione con il paziente-cittadino (6,36). Questo in media, perché l'impegno per promuovere l'uminzzazione - si sottolinea - risulta maggiore in alcune aree e più debole in altre.

Resta molto da fare, per esempio, per la semplificazione delle modalità di prenotazione delle prestazioni: scarse le alternative per il pagamento del ticket fuori dall'ospedale, come farmacie, ricevitorie, casse automatiche in esercizi commerciali, uffici postali. Poco 'umani' gli orari dei pasti: quasi ovunque i pazienti fanno ormai colazione dopo le 7, ma rimane diffusa l'abitudine di distribuire la cena prima delle 19. Si può fare di più per umanizzare i pronto soccorso: sono dotati di sale d'attesa specifiche e più o meno confortevoli, ma sono sotto la sufficienza per la presenza di un display che informa in tempo reale sul numero di pazienti in attesa e della tv, ma anche di un servizio di accoglienza per i cittadini.

Secondo la ricerca, l'area debole quanto a umanizzazione è la 'cura della relazione con il paziente e con il cittadino': vanno potenziati la formazione e l'aggiornamento del personale, sia sanitario che di front office, sulla comunicazione e sulla relazione con chi varca la soglia della struttura sanitaria.

Non solo. Le strutture dovrebbero dedicare più attenzione alle persone di diversa cultura e provenienza (punteggio 5,81). I voti ottenuti sono alti per l'assistenza religiosa ai cattolici, per l'offerta di menù 'personalizzati' a seconda delle convinzioni etiche (vegetariani) o religiose (musulmani), per la presenza di interpreti e mediatori culturali. Male, invece, l'offerta di documentazione informativa multilingue, anche per il consenso informato e per chi arriva dall'estero avvalendosi dell'assistenza transfrontaliera.

L'impegno nel promuovere l'umanizzazione delle cure si evidenzia, invece, in particolare nell'attenzione alla condizione dei bambini in ospedale (7,53) e nella lotta alla sofferenza inutile (7,85). Molto buona - emerge dalla ricerca - l'accessibilità ai disabili motori, ma urgono Piani aziendali per l'eliminazione delle barriere sensoriali. Ancora poco tecnologiche le strutture: sono rari i sistemi di condivisione telematica dei dati clinici con i medici di famiglia e poco diffusa la possibilità di consultare online cartella clinica e referti di esami diagnostici strumentali.

7 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us