Salute

Sanità: 'Chi sbaglia paghi', petizione online Cittadinanzattiva

Richiesta a Parlamento, ritirare o modificare Ddl su medicina difensiva

Roma, 21 ott. (AdnKronos Salute) - Chi sbaglia in sanità, paghi! E' la richiesta di Cittadinanzattiva che ha presentato una petizione su Change.org, con l'appello al Parlamento, attraverso i presidenti delle Commissioni Affari sociali della Camera e Sanità del Senato, di ritirare, o modificare radicalmente, il disegno di legge sulla responsabilità professionale dei medici, che dovrebbe essere approvato in tempi brevi per contrastare la medicina difensiva.

"Fino ad oggi, in caso di sospetto errore sanitario potevi avere 10 anni di tempo per fare causa civile al sanitario; dimostrare solo di aver subito un danno. Ora, invece, oltre al danno la beffa. Infatti, il disegno di legge attualmente in discussione in Parlamento - si legge sulla petizione - cambia radicalmente questa impostazione. Se questa proposta fosse approvata, da domani: avresti solo 5 anni per fare causa al professionista; diventerebbe un tuo onere dimostrare non solo il danno, ma anche la dinamica dell'errore e le responsabilità".

Inoltre, prosegue Cittadinanzattiva, "nel procedimento penale verrebbe creato un nuovo tipo di reato, valido solo per il personale sanitario, che potrà essere punibile solo in caso di colpa grave o dolo, eliminando l'ipotesi della colpa lieve. Infine, con la riforma non è prevista la possibilità per i cittadini di sapere quante denunce siano pendenti nei confronti della struttura e del singolo professionista. Dati importanti perché tu possa scegliere consapevolmente dove e da chi farti operare".

21 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us