Salute

Sanità: Caso Catania, proposte pediatri Sip e Sin contro mortalità infantile

Roma, 20 feb. (AdnKronos Salute) - Accorpamento dei punti nascita sotto i 500 parti l’anno come previsto dall’accordo Stato Regioni del 2010; potenziamento delle Unità di terapia intensiva neonatale; attivazione del servizio di trasporto per l’emergenza neonatale in tutte le regioni con ambulanze attrezzate e personale dedicato. Sono le proposte della Società italiana di pediatria e della Società italiana di neonatologia per ridurre la mortalità neonatale, che ancora oggi nelle regioni meridionali risulta del 30% più elevata rispetto a quelle del Nord.

La morte della piccola Nicole, a bordo di una ambulanza privata che la trasportava da Catania a Ragusa per una insufficienza respiratoria, "non è frutto del caso", dicono i pediatri, "ma espressione e conseguenza della inadeguatezza del sistema sanitario regionale in situazioni di emergenza neonatale. Senza interventi di potenziamento della rete di assistenza neonatologica non ci si può stupire di eventi tragici come questo", affermano in una nota congiunta il presidente della Sip Giovanni Corsello e il presidente della Sin Costantino Romagnoli. Che invocano "una efficace programmazione degli interventi e investimenti reali nella rete neonatologica da parte del sistema sanitario, anche per scongiurare il rischio che i cosiddetti tagli alla sanità colpiscano l’area pediatrica che ha invece bisogno di sostegno e di supporto".

Tre in particolare le priorità da attuare secondo le due società scientifiche: accorpamento dei punti nascita sotto i 500 parti l’anno; potenziamento delle Unità di terapia intensiva neonatale; attivazione del servizio di trasporto per l’emergenza neonatale in tutte le regioni con ambulanze attrezzate e personale dedicato. Si tratta di misure in larga parte già previste dall’Accordo Stato-Regioni del 2010, "ma rimaste drammaticamente inattuate in alcune aree del Paese, con la conseguenza che continuano a permanere differenze inaccettabili fra le regioni italiane nel campo dell’assistenza neonatale e pediatrica, come ha peraltro rilevato il documento del Comitato per la Bioetica della Sip reso pubblico a ottobre 2014".

"I modelli che hanno mostrato buona prova di funzionamento sono quelli (come ad esempio Lazio e Toscana) in cui esiste una centrale di riferimento dedicata alla gestione delle emergenze neonatali", spiega il presidente della Sin Costantino Romagnoli. "Grazie a questo sistema i medici dell’emergenza sono in grado di sapere in tempo reale quanti posti sono disponibili in terapia intensiva e subintensiva. Se in Sicilia ci fosse un centro di coordinamento dedicato al trasporto neonatale la piccola Nicole probabilmente sarebbe stata mandata a Messina e non a Ragusa".

Non meno importante, dicono i pediatri, il modo in cui si trasportano i neonati ad alto rischio.

Servono ambulanze tecnologicamente attrezzate ed equipe mediche in grado gestire le emergenze con una formazione specifica nella stabilizzazione e nel trasporto del neonato gravemente patologico. In Italia il trasporto dei neonati ad alto rischio è 'a macchia di leopardo': in alcune regioni è centralizzato, in altre lasciato in capo al singolo ospedale.

20 febbraio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Gli eccessi della Rivoluzione francese raccontati attraverso la tragedia delle sue vittime più illustri, Luigi XVI e Maria Antonietta. La cattura, la prigionia, i processi e l’esecuzione della coppia reale sotto la lama del più famoso boia di Parigi. E ancora: come si studiava, e si insegnava, nelle scuole del Cinquecento; l’ipotesi di delitto politico dietro la morte di Pablo Neruda, pochi giorni dopo il golpe di Pinochet; l’aeroporto di Tempelhof, a Berlino, quando era palcoscenico della propaganda nazista.

ABBONATI A 29,90€

Perché il denaro ci piace tanto? Gli studi spiegano che accende il nostro cervello proprio come farebbe gustare un pasticcino o innamorarsi. E ancora: la terapia genica che punta a guarire cardiopatie congenite o ereditarie; come i vigili del fuoco affinano le loro tecniche per combatte gli incendi; i trucchi della scienza per concentrarsi e studiare meglio; si studiano i neutrini nel ghiaccio per capire meglio la nostra galassia.

ABBONATI A 31,90€
Follow us