Salute

Nuova speranza per le malattie rare non diagnosticate grazie al Gruppo San Donato

Il progetto No Diag, attraverso complesse analisi, lavora per dare un nome alle sindromi genetiche che coinvolgono il cuore e altri organi. [Contenuto Sponsorizzato]

Immagina di avere un problema e di non sapere bene perché e di cosa si tratta. Vivere una malattia senza nome aggiunge sofferenza a una realtà già difficile ed è quello che accade spesso ai pazienti con sindromi genetiche.

 

Cosa sono le sindromi genetiche

Sono patologie che colpiscono vari organi, tra cui spesso il cuore, e sono causate da una singola mutazione, che modifica il codice genetico provocando a catena una serie di anomalie. Il risultato è di grande portata: la salute e la qualità della vita dei pazienti risultano compromesse.

 

Perché è così importante diagnosticare la malattia genetica?

Una diagnosi ha un'importante utilità almeno da due punti di vista.

•  Psicologicamente: perché si pone fine alla peregrinazione in vari centri, si acquista consapevolezza e si trova una spiegazione ai propri sintomi.

•  Praticamente: diagnosi certa significa anche possibilità di ottenere un'esenzione e un riconoscimento di invalidità. Non si tratta tanto di ottenere fondi, ma di vivere una posizione nella società, per esempio accedendo alle graduatorie per i lavori in categoria protetta.

In più, quando la sindrome è diagnosticata, è possibile accedere ai trial clinici e ai database internazionali finalizzati all'impiego di farmaci orfani. L'AIFA definisce in questo modo i medicinali utilizzati per la diagnosi, la prevenzione e il trattamento delle malattie rare (in Europa una malattia è considerata tale quando colpisce non più di 5 persone ogni 10.000 abitanti).

 

L'impegno dell'IRCCS Policlinico San Donato

Per fornire a questi pazienti una diagnosi si è attivato l'ambulatorio di Genetica Medica del Policlinico San Donato, fortemente voluto dal prof. Carlo Pappone, responsabile dell'unità Aritmologia Clinica e del Laboratorio di Elettrofisiologia, che tra i primi ha introdotto la genetica all'interno della pratica clinica. Il coordinatore, dottor Emanuele Micaglio, ha concepito nel pieno dell'emergenza Covid, il progetto No Diag, che mette in moto un team di collaboratori e complesse tecniche di laboratorio. "Non basta un test genetico per risolvere un caso, specialmente se si tratta di una sindrome genetica" spiega il dottor Micaglio, che con la sua squadra cerca di dare un nome e un cognome a una condizione genetica e di impattare in modo decisivo sulla qualità della vita del paziente e sul decorso della patologia.

 

La modalità di reclutamento dei pazienti è fondamentale ed è legata alla sinergia tra gli specialisti dell'area cardiovascolare dell'IRCCS Policlinico San Donato, un'eccellenza a livello europeo, soprattutto nell'ambito delle cardiopatie congenite. Qui arrivano pazienti da tutta Italia, che necessitano di un intervento per correggere la malformazione cardiaca congenita. Quando a questa problematica si accompagnano altre patologie riguardanti organi e sistemi, si tratta probabilmente di pazienti affetti da una sindrome genetica, che possono entrare a far parte del progetto "No Diag".

 

Il vantaggio della sinergia all'interno del Gruppo San Donato

A volte i pazienti arrivano da altri centri, dove non hanno potuto usufruire di un'indagine genetica.  All'IRCCS Policlinico San Donato, invece, la rete di collaborazione riunisce tutti i protagonisti: cardiologi, cardiochirurghi pediatrici, specialisti dei cardiopatici congeniti adulti, medici e tecnici genetisti, che insieme possono identificare i pazienti idonei al progetto. In questo ambito, fondamentale la collaborazione interna al Gruppo San Donato, con l'IRCCS Ospedale San Raffaele, in particolare con l'Unità di Genetica Medica.

 

Il team

Il progetto "No Diag" è nato grazie alla collaborazione dei seguenti specialisti: Prof. Carlo Pappone, Dott. Emanuele Micaglio, Dott.ssa Sara D'Imperio e Dott.ssa Michelle Monasky (IRCCS Policlinico San Donato), Prof.ssa Monica Miozzo e Dott.ssa Silvia Tabano (Università degli Studi di Milano), Prof. Giorgio Casari (Università Vita-Salute San Raffaele), Dott.ssa Giada Moresco (Policlinico di Milano), Dott.ssa Paola Carrera e Dott.ssa Sara Benedetti (IRCCS Ospedale San Raffaele).  

 

Il test genetico

Il test genetico aiuta a comprendere i motivi della malformazione cardiaca e di tutti gli altri problemi che possono coinvolgere la cataratta, la colonna cervicale, gli arti, il diabete, la tiroide, il fegato e l'apparato riproduttivo. Cosa si scopre con questo test?

•  Cosa tenere d'occhio con l'avanzare dell'età;

•  Qual è il percorso di cura;

•  Quali interventi potrebbero interessare il paziente;

•  Quali possibilità ci sono che altri membri della famiglia siano portatori della mutazione.

 

L'analisi del DNA

Quando il paziente presenta tutti i criteri per partecipare allo studio, vengono arruolati il paziente, la madre e il padre. Dopo il prelievo di sangue si procede con l'estrazione del DNA e l'analisi dell'esoma, la porzione che è associabile alle malattie. Se la persona affetta è solo una, si cercano le differenze dai propri genitori a livello genetico. Se invece è una forma familiare, si cerca di comprendere cosa lo accomuna ai genitori. Si tratta di un'indagine che impegna almeno 4 mesi.

 

I risultati positivi

Quando la ricerca ha buon esito, il paziente riceve una diagnosi basata sul report di ricerca e sulla clinica. Il team coordinato dal dottor Micaglio ha dato un nome a sindromi rare, presenti in meno di un caso su 100.000, con un risultato notevole:

- Si pone fine alla ricerca di un riconoscimento clinico;

- Si spiegano tutti i problemi multiorgano;

- Si individuano cure personalizzate.

 

Il dottor Micaglio ricorda un caso emblematico. "Alla prima paziente arruolata nello studio abbiamo diagnosticato una sindrome rarissima, di cui sono noti solo altri 33 pazienti nel mondo. Lei è la prima in Italia. Dare un nome alla sua malattia è stato come farla rinascere". Sono parole che vanno oltre la professionalità e toccano aspetti di umanità e di attenzione alla collettività. Anche questo fa parte della filosofia del Gruppo San Donato, che pone il paziente al centro di ogni iniziativa.

 

16 dicembre 2021
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us