Salute

Salute: turni 'pazzi' invecchiano cervello, 10 anni ne regalano oltre 6 in più

Roma, 4 nov. (AdnKronos Salute) - Turni 'pazzi' invecchiano il cervello. Accumulare ore di lavoro notturno e turni impossibili per condurre una normale vita sociale può riflettersi sulla nostra mente, insidiandone le capacità e la prontezza. Con il risultato che 10 anni di lavoro possono 'regalarne' oltre sei in più alla nostra prontezza mentale. Lo studio, pubblicato su 'Occupational and Environmental Medicine', mostra anche che occorrono cinque anni di turni diurni per tornare alla normalità.

Gli esperti dell'Università di Swansea (Galles) e dell'Università di Tolosa (Francia), dopo aver monitorato oltre 3 mila francesi sottoponendoli a vari test, sottolineano che i risultati potrebbero essere importanti anche nella demenza e nei disturbi del sonno. L'orologio interno del nostro corpo, infatti, è progettato per farci essere attivi durante il giorno e dormire di notte. Lavorare quando dovremmo riposare può avere effetti importanti su memoria, velocità di pensiero e capacità cognitiva. Si tratta di caratteristiche che si riducono naturalmente con l'avanzare dell'età, ma i ricercatori spiegano che lavorare in base a turni 'antisociali' accelera il processo. Tanto che le persone con 10 anni di turni alle spalle hanno performance tipiche di persone più vecchie di sei anni e mezzo.

La buona notizia è che, smettendo, i cervelli dei lavoratori hanno recuperato. Anche se ci sono voluti cinque anni. "Si tratta di un sostanziale declino nella funzione del cervello - spiega Philip Tucker, del team di Swansea, alla Bbc online - Dunque è probabile che quando le persone cercano di svolgere compiti cognitivi complessi, possono fare più errori" rispetto ai coetanei. Lo stesso medico confida che non avrebbe fatto i turni di notte "se avessi potuto farne a meno", ma sono un "male necessario" della società moderna. "Ci sono modi per mitigarne gli effetti", suggerisce comunque, progettando meglio gli orari di lavoro e istituendo regolari controlli medici, che "dovrebbero includere test cognitivi di performance in cerca di segnali di pericolo".

4 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us