Salute

Salute: 'tavola delle bambole' anti obesità, con mini piatti giù le calorie

La prova in maxi revisione di studi, taglia porzioni influisce su quanto mangiamo

Milano, 15 set. (AdnKronos Salute) - Trasformare il proprio banchetto nella 'tavola delle bambole' potrebbe essere la via per invertire l'epidemia di obesità che affligge i tempi moderni. Ne sono convinti gli scienziati dell'University of Cambridge, autori di una revisione di 61 studi che, spiegano, offre "la prova più conclusiva ad oggi" del fatto che la 'taglia' delle porzioni influisce su quanto mangiamo. E una strategia in grado di sforbiciare le calorie introdotte giornalmente, concludono, risulta essere quella di utilizzare piatti, bicchieri e posate in miniatura, perché aiuta a mangiare meno. Gli esperti spiegano infatti che le persone in generale sono riluttanti a lasciare avanzi a tavola.

I dati sono pubblicati nel Database Cochrane delle revisioni sistematiche e, secondo i ricercatori, mostrano che oggi viene offerto più cibo di quanto si mangerebbe. Negli ultimi decenni, evidenziano, le dimensioni delle porzioni sono aumentate. Eliminando i pasti 'big size', assicurano gli esperti, si potrebbero tagliare 279 calorie al giorno dalla dieta di ognuno. Questo è quanto emerge dall'analisi dei dati di 6.711 persone coinvolte in una vasta gamma di studi clinici.

I consumatori, spiega alla Bbc online Ian Shemilt dell'ateneo di Cambridge, "possono giocare un ruolo" in questa sfida. "Per esempio tutti noi possiamo ridurre le dimensioni dei piatti e dei bicchieri che usiamo, e fare pressing su pub e ristoranti chiedendo porzioni più piccole". Il team di ricercatori sottolinea che anche misure governative finalizzate a incentivare la produzione di confezioni più piccole e a porre maggiori limiti alle dimensioni di alimenti ad alta densità energetica potrebbe aiutare le persone a perdere peso.

15 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us