Salute

Salute: studio traccia identikit malato Alzheimer, è donna con bassa istruzione

Roma, 27 gen. (AdnKronos Salute) - Il paziente anziano che sviluppa la demenza è donna, ha una basso livello di scolarità, uno status sociale modesto, uno stile di vita non sano e ha spesso sofferto di malattie vascolari o metaboliche. E' l'identikit del malato di Alzheimer che arriva un lungo studio prospettico condotto da Laura Fratiglioni, direttore dell'Aging Research Center al Karolinska Institutet di Stoccolma, che ne ha parlato oggi alla conferenza internazionale 'Memory in the Disease Brain', organizzato dalla Pontificia Accademia delle Scienze.

"Il Kungsholmen Project ha preso in carico la popolazione anziana di un quartiere della capitale svedese: 1.810 soggetti con più di 75 anni arruolati nel 1987 e controllati ogni 3 anni. Il dato più sorprendente è che la scarsa educazione è inversamente proporzionale al rischio di sviluppare una qualche forma di demenza. L'effetto protettiva di un'educazione avanzata può perfino controbilanciare il rischio genetico", assicura l'esperta.

"Il gruppo di persone con un percorso scolastico di due, massimo 7 anni era a maggior rischio di presentare deficit cognitivi già a 65 anni. Questo dato ci suggerisce l'importanza delle prime due decadi di vita nello sviluppo di un cervello ricco di neuroni e dotato di plasticità, ossia la capacità di creare connessioni tra le varie cellule nervose. Un vantaggio che sembra avere effetti a lungo termine".

Comunque, esiste la possibilità di compensare un inizio non vantaggioso nella vita attraverso attività mentalmente complesse nella vita adulta e un coinvolgimento in attività fisiche, mentali e sociali una volta raggiunta l'età anziana. "La capacità di compensare il declino mentale - conferma Mario Maj, direttore del dipartimento di Psichiatria della Seconda Università di Napoli - dipende dalle singole persone, ma per difendere la riserva cerebrale si sono dimostrati efficaci sia l'attività fisica che l'esercizio cognitivo, così come una dieta equilibrata e un'ampia rete di contatti sociali".

27 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us