Salute

Jogging, per vivere a lungo meglio correre poco

Sorpresa: chi fa jogging strenuamente ha le stesse probabilità di morire rispetto ai sedentari.

Jogging per tenersi in forma e prevenire le malattie? Sì, ma meglio in piccole quantità. Lo suggerisce uno studio pubblicato sul Journal of American College of Cardiology. I ricercatori del Frederiksberg Hospital di Copenhagen, in Danimarca, hanno esaminato 5.048 partecipanti sani al Copenhagen City Heart Study, che sono stati intervistati, fra le altre cose, anche sulle loro abitudini quanto a sport. Sono stati identificati e rintracciati 1.098 fan dello jogging sani e 413 persone sane, ma sedentarie.

In medio stat virtus. Lo studio, che ha preso in considerazione le ore di jogging, la frequenza cardiaca e la percezione individuale del ritmo di esercizio fisico, ha rilevato che, in un periodo di 12 anni, chi fa jogging strenuamente ha le stesse probabilità di morire rispetto ai sedentari, mentre chi corre in maniera leggera e moderata ha più vantaggi: fare jogging da una a massimo due ore e mezza a settimana è associato con la mortalità più bassa e la frequenza cardiaca ottimale.

La frequenza ottimale di esercizio è risultata essere non più di tre volte alla settimana. I tassi di mortalità significativamente più bassi sono stati rilevati in chi compie la corsa con un ritmo lento o moderato, mentre i jogger frenetici sono risultati avere, appunto, quasi lo stesso rischio di mortalità dei sedentari. «È importante sottolineare che il ritmo lento nello jogging corrisponde a un'esercizio fisico vigoroso e che lo jogging estremo corrisponde a un'attività molto vigorosa», evidenzia Peter Schnohr, ricercatore del Copenhagen City Heart Study. «Quando eseguito per decenni, questo livello di attività potrebbe comportare rischi per la salute, in particolare per il sistema cardiovascolare».

3 febbraio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us