Salute

Salute: studio riabilita burro e bistecche, grassi saturi non così nocivi

Ad aumentare rischi malattie sono quelli contenuti in alimenti industriali

Roma, 13 ago. (AdnKronos Salute) - Riabilitati burro e formaggi, bistecche e hamburger: i grassi saturi contenuti in questi prodotti di derivazione animale non sono nocivi per la salute come si riteneva. Farà piacere a molti la conclusione di un mega-studio pubblicato sul 'British Medical Journal', che mette nella lista dei 'cattivi' i grassi trans, prodotti da oli idrogenati e utilizzati nella margarina, negli snack, prodotti da forno e dolci industriali. Questi sì, secondo i risultati, che aumentano il rischio di morte in generale del 34% e, in particolare, per malattie cardiovascolari (+28%).

La ricerca, condotta in Canada da un'équipe della McMaster University di Hamilton (Ontario), non ha trovato alcuna associazione fra gli alimenti ricchi di grassi saturi - come carni, tuorli d'uova, latte vaccino e derivati - e una maggior incidenza di patologie cardiovascolari, ictus e diabete di tipo II. Un'altra prova si aggiunge a dar corpo alla recente tesi che negli ultimi 50 anni questi prodotti siano stati ingiustamente 'banditi' per motivi di salute.

Questi risultati, però, sottolinea Russel de Souza, a capo del team di ricercatori, non possono essere trasformati in un 'via libera' al consumo di grassi saturi: "L'obiettivo - spiega - è distinguere fra le tipologie di grassi ed evidenziare gli effetti nocivi di quelli trans, che non hanno benefici per la salute e anzi aumentano significativamente il rischio di malattie cardiache".

Le linee guida attuali raccomandano che gli acidi grassi saturi non devono superare il 10% dell'introito calorico giornaliero, quelli trans l'1%.

13 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us