Salute

Salute: sci e snowboard, piste più sicure ma ancora rischi da troppa audacia

Esperto Iss, contro incidenti consapevolezza limiti

Roma, 29 dic. (AdnKronos Salute) - Gli incidenti sulla neve sono un classico corollario della stagione sciistica. "La buona notizia è che le piste, come confermano due recenti studi austriaci, sono diventate più sicure negli ultimi 10 anni. Il numero di incidenti, infatti, è in costante diminuzione nonostante sia aumentato il numero di sciatori. La notizia cattiva è che troppo spesso l'audacia e la troppa sicurezza di sé tradiscono anche gli esperti", spiega all'Adnkronos Salute Marco Giustini, epidemiologo dell'Istituto superiore di sanità, che si è a lungo occupato degli incidenti sulla neve.

"Sicuramente le piste sono meglio preparate e messe in sicurezza - continua Giustini - e noi italiani, in questo campo, raggiungiamo punte di eccellenza. Ovviamente il rischio di incidenti sulla neve c'è sempre, perché si tratta di uno sport che espone a situazioni estreme". A tradire "è soprattutto la tendenza diffusa a sopravvalutare le proprie capacità tecniche e la propria situazione fisica. Mentre si sottovalutano i problemi legati alle condizioni ambientali". La 'spericolatezza' resta una delle principali cause dell'infortunio sciistico. "Sulle piste - prosegue l'esperto - è fondamentale conoscere i propri limiti tecnici e fisici. E conoscere il contesto ambientale".

La prima regola è "arrivare fisicamente preparati ad indossare gli sci. Una buona preparazione atletica riduce i pericoli. Occorre poi ascoltare il proprio il corpo: la stanchezza è un campanello d'allarme. Rimanere sulle piste fino all'ultimo minuto non è saggio, tra l'altro c'è meno visibilità e crescono i fattori di rischio".

"I casi di incidenti mortali sono rari, tra i 10 e 15 l'anno", riferisce ancora Giustini. Mentre gli infortuni, per quanto difficili da quantificare, sono piuttosto diffusi. Il più delle volte - dice l'esperto ricordano i dati raccolti dall'Iss - l'incidente provoca una distorsione (42%) o una contusione (18%); nel 13% dei casi se ne esce con qualche frattura, nell'8% con ferite di vario genere, e in un altro 8% il risultato è una lussazione. Solamente in un caso su 4 l'infortunato, dopo essere stato soccorso e medicato, viene mandato a casa. Nella maggioranza dei casi (circa il 70%) c'è bisogno di ulteriori accertamenti medici e infatti si finisce al pronto soccorso o in un ambulatorio.

Le lesioni si differenziano a seconda del mezzo utilizzato, lo snowboard o gli sci. Le distorsioni riguardano soprattutto gli sciatori: compaiono come diagnosi nello sci con una frequenza doppia rispetto a quanto fanno nel caso dello snowboard (36% contro il 18%).

La frattura è invece l'infortunio più frequente che capita agli amanti dello snowboard: è riportata nel 24% dei casi, mentre negli incidenti con gli sci la frattura viene diagnosticata solo nel 12% dei casi.

Sia nello sci che nello snowboard circa un incidente su 7 ha come conseguenza un trauma al cranio o al viso.

29 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us