Salute

Salute: report svizzero 'assolve' bisfenolo A, basso livello esposizione

Roma, 18 dic. (AdnKronos Salute/Ats) - Il bisfenolo A (Bpa), una delle componenti fondamentali delle plastiche usate nella produzione di biberon, bottiglie, piatti, rivestimenti di barattoli e lattine di alluminio, ma anche scontrini, non rappresenta un rischio per la salute visto il basso livello di esposizione dei consumatori a questa sostanza. E' la conclusione di un rapporto adottato oggi dal Consiglio federale svizzero su richiesta del Parlamento. La Confederazione elvetica continuerà dunque a distanziarsi da quanto deciso dall'Unione europea, che dal 1 giugno 2011 ha vietato i biberon che contengono Bpa.

In Svizzera la Coop non usa più da circa un anno scontrini di cassa contenenti bisfenolo A. Sospettato di rischi per la salute fin dagli anni '30, il bisfenolo A è accusato di alterare il corretto sviluppo cerebrale dei bambini, ma anche di causare malattie dello sviluppo sessuale e sterilità nei maschi. Per il Consiglio federale, che cita la valutazione dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) pubblicata in gennaio, "la quantità assunta quotidianamente attraverso alimenti e oggetti è troppo esigua per provocare conseguenze".

Le analisi dell'Efsa non hanno infatti rilevato conseguenze sull'apparato riproduttore, sul sistema immunitario, sul metabolismo, sul sistema cardiovascolare, sul sistema nervoso né sul rischio di cancro. In dosi elevate, può tuttavia avere effetti negativi sul fegato e sui reni. La quantità quotidiana di bisfenolo A assunta dai consumatori svizzeri è comunque "ampiamente al di sotto del limite fissato nella legislazione svizzera".

18 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us