Salute

Salute: rabbia o tristezza al volante decuplicano rischio incidenti

Milano, 23 feb. (AdnKronos Salute) - Rispondere al cellulare senza auricolare, scrivere sms, cercare qualcosa sul cruscotto. Tutte attività sconsigliate alla guida, che possono far aumentare il rischio di incidenti. Ma a minacciare l'incolumità al volante non sono solo le distrazioni: anche guidare in preda a forti emozioni aumenta il pericolo, di ben 10 volte. A mettere in guardia è uno studio americano del Virginia Tech Transportation Institute, pubblicato su 'Proceedings of the National Academy of Sciences'. "I risultati sono importanti perché soprattutto i più giovani sono più propensi alle distrazioni al volante - spiega Tom Dingus, autore principale del lavoro - La nostra analisi mostra che, se in futuro non intraprenderemo delle misure per limitare i fattori che deconcentrano alla guida, la prossima generazione avrà un rischio sempre maggiore di incorrere in incidenti".

I ricercatori hanno usato i dati del Second Strategic Highway Research Program Naturalistic Driving Study, il più grande studio condotto sulla guida con oltre 3.500 partecipanti in 6 punti di raccolta dati negli Usa. Il lavoro rappresenta il più ampio database di informazioni, con oltre 1.600 incidenti di diversa gravità. Gli scienziati hanno considerato 905 gravi schianti, scoprendo che in oltre il 90% dei casi erano presenti aspetti come affaticamento e distrazione del guidatore.

"Sappiamo da anni che questo genere di fattori esistono in un'alta percentuale di incidenti, ma per la prima volta siamo stati in grado di quantificare quanto vi contribuiscano", afferma Dingus. Secondo lo studio, per esempio, guidare da arrabbiati, tristi, agitati o piangendo può aumentare il rischio di impatto di quasi 10 volte. Viaggiare al di sopra del limite di velocità di 13 volte.

Contribuiscono a far crescere il rischio anche errori del guidatore come frenate improvvise, oppure la scarsa familiarità con un veicolo o una strada. Mentre alcuni comportamenti percepiti come pericolosi, come per esempio truccarsi al volante, oppure non rispettare la distanza di sicurezza, sono stati riscontrati raramente negli incidenti analizzati dagli scienziati. L'interazione con un bambino sul sedile posteriore è infine un fattore protettivo, o comunque ha un rischio più basso della media dei comportamenti considerati.

"Tutti questi risultati sono particolarmente importanti per lavorare con policymaker, educatori, funzionari di polizia, progettisti di veicoli e guidatori stessi per definire e contribuire a mitigare i rischi - commenta Dingus - Il nostro obiettivo finale è quello di identificare questi pericoli e aiutare a trovare le contromisure necessarie per garantire la sicurezza delle persone a bordo".

23 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us