Salute

Salute: perdere peso e fare sport aiuta chi ha il fegato malato

Piccole 'rivoluzioni' nello stile di vita portano miglioramenti dopo 1 anno

Vienna, 24 apr. (AdnKronos Salute) - Ridurre le porzioni, optare per cibi meno calorici e rispolverare tuta e scarpe da ginnastica aiuta anche chi soffre di problemi al fegato. E' quanto emerge da uno studio firmato da ricercatori del National Institute of Gastroenterology dell'Havana, a Cuba, e dai colleghi spagnoli del Valme University Hospital di Siviglia e del Valencia University Hospital. Il lavoro è stato presentato all'Easl 2015 in corso a Vienna, il congresso internazionale sul fegato.

Lo studio è stato condotto su 293 pazienti con steatoepatite non alcolica. La ricerca, sottolineano gli autori, mostra che l'effetto del dimagrimento indotto da cambiamenti nello stile di vita è fortemente legato a una serie di importanti miglioramenti istologici. In particolare, perdere più del 7% del proprio peso sulla bilancia già si traduce in una cascata di effetti positivi, ma per indurre una risoluzione della steatopatite e un miglioramento nella fibrosi occorre superare il 10%.

Nella ricerca i pazienti sono stati sottoposti a una dieta ipocalorica e povera di grassi e a un regime di attività fisica per 52 settimane. I risultati ottenuti sono stati valutati anche attraverso una biopsia. Ebbene, "l'intensità della perdita di peso indotta dal nuovo stile di vita è fortemente associata al grado di miglioramento a livello istologico" dei pazienti, concludono gli autori. Un elemento importante, anche dal momento che, sempre a Vienna, è stato illustrato un lavoro sui rischi che incombono sui malati di steatoepatite non alcolica.

Nello studio, durato 14 anni e condotto su una coorte di almeno 1 milione di persone in Gran Bretagna, si è scoperto che le chance di morire per una steatoepatite non alcolica sono del 50% più alte rispetto a quelle che hanno le persone afflitte da 'fegato grasso'. "Il fegato grasso non alcolico è un fattore di rischio conosciuto di malattia cardiovascolare. Ma i nostri risultati - dice Jake Mann dell'University of Cambridge - suggeriscono che la steatoepatite rappresenti un pericolo ancora più grande". Anche alla luce di questi risultati "è imperativo - conclude Laurent Castera, vice-segretario Easl - identificare le persone" con queste patologie "precocemente, per trattarle con interventi su dieta e stile di vita, prima che la loro condizione diventi potenzialmente mortale".

24 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us