Salute: per 80% esperti dieta mediterranea è segreto successo prova costume

Studio condotto elaborando i pareri di oltre 80 addetti ai lavori, tra chef e nutrizionisti

dieta_mediterranea02_web
| ADN Kronos

Roma, 1 giu. (AdnKronos Salute) - Diete ferree, lunghe sedute in palestra fino alla tortura di estenuanti digiuni. Con l'avvicinarsi dell'estate un italiano su 2 corre ai ripari per presentarsi in forma all'appuntamento con le spiagge, ognuno con la propria strada. Per l'82% degli esperti, però, il metodo migliore per arrivare pronti all'esame 'pancetta' è la dieta mediterranea, un regime alimentare sano e leggero che aiuta a ritrovare la linea perduta.

 

I vantaggi? Pochi grassi (89%), abbondanza di frutta e verdura di stagione (84%) e completezza dei nutrienti offerti (77%). Tra i piatti più consigliati dagli esperti insalate miste (87%), pesce crudo (84%) e verdure di stagione (76%), mentre assolutamente da evitare la margarina (90%), i condimenti eccessivi (79%) e gli alcolici (75%). Secondo chef e nutrizionisti il segreto per vincere la sfida con l'ansia da specchio sta nel preparare porzioni contenute e poco condite (73%), non lasciarsi attrarre da merendine e fast food (69%) e nella scelta di prodotti freschi e genuini (65%).

 

E' quanto emerge da uno studio del Polli Cooking Lab, l'osservatorio internazionale creato dall'omonima azienda italiana, condotto elaborando i pareri di oltre 80 addetti ai lavori tra chef e nutrizionisti a proposito del migliore regime alimentare da seguire per arrivare in forma alla prova costume, tema sempre più caldo con l'avvicinarsi dell'estate.

 

"Il pregio della dieta mediterranea è quello di essere bilanciata e di garantire l'apporto di tutti i nutrienti nelle corrette proporzioni per garantire un miglior stato di salute come risulta da innumerevoli studi scientifici - afferma Luca Piretta, nutrizionista e gastroenterologo, specialista in Scienza della nutrizione umana all'Università Sapienza di Roma - Nel contesto della prova costume si tratta di confezionare un programma ipocalorico, correttamente distribuito nell'arco della giornata e associato ad una adeguata attività fisica per ottenere un calo di peso proporzionato e in salute. Gli alimenti considerati più leggeri sono sicuramente frutta e verdura di stagione, ma ricordiamoci che per mettersi in forma bisogna cominciare qualche mese prima dell'estate".

 

"Da evitare - suggerisce Piretta - il burro, le margarine, la maionese e il ketchup. Come condimento basterà un filo di olio extravergine di oliva, il miglior grasso da condimento perché contiene l’acido oleico, un acido grasso monoinsaturo che aiuta a tenere bassi i livelli di colesterolo, polifenoli, antiossidanti e omega 3. Infine, chi vuole ridurre il peso deve rinunciare a fritti, alcolici, bevande gassate zuccherate e dolci".

 

Anche gli chef sono unanimi nel riconoscere le qualità della dieta mediterranea come rimedio infallibile per vincere la prova costume. E' di questo avviso Enrico Cerea del ristorante 'Da Vittorio' di Brusaporto (Bergamo), 3 stelle Michelin: "Per ritrovare la linea in vista della prova costume i piatti tradizionali della dieta mediterranea sono l'ideale - osserva - Senz'altro consiglierei tanta fresca verdura di stagione che in questo periodo abbonda, ma anche pesce al vapore o crudo, facendo attenzione che sia stato abbattuto. Per un'azione più drastica si può alternare una giornata di digiuno ogni tanto e una giornata solo mele, fino a 15 al giorno, sia centrifugate, sia cotte, sia crude. E' possibile anche creare piatti leggeri da portare in ufficio, come ad esempio un'insalata di pomodori alla greca, sostituendo magari la feta con lo yogurt. Oppure delle fragole con yogurt, arricchite da 3 noci. Infine propongo una panzanella di verdure, sostituendo la quinoa al posto del pane".

 

Ma secondo gli esperti quali sono gli alimenti della dieta mediterranea ideali per perdere peso in vista della prova costume? Sulle tavole di chi vuole seguire correttamente la dieta mediterranea per perdere qualche taglia non possono mancare certamente i cereali (86%), seguiti dal pesce (84%) e dalla verdura di stagione (76%). Chiudono la classifica la frutta (73%), i legumi (69%), l'olio d’oliva (67%), la pasta (64%) e il vino (61%), assunti tutti però nelle giuste proporzioni. Secondo Piretta "la dieta mediterranea è un modello, uno stile di vita per vivere in salute. I dati in letteratura ci dicono che se ci avviciniamo di più alla dieta mediterranea beneficiamo, oltre alla diminuzione del peso, di molti vantaggi. Come la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari, tumori, Alzheimer, Parkinson e sindrome metabolica. Purtroppo negli ultimi anni i Paesi del bacino mediterraneo si sono allontanati da questo modello al quale paradossalmente si sono avvicinati Paesi che hanno più difficoltà a reperire gli alimenti di maggiore qualità come quelli scandinavi. Calibrare correttamente la dieta mediterranea ci permette quindi , oltre che si stare bene, di dimagrire".

 

Ma per quali ragioni l'82% degli esperti ha indicato la dieta mediterranea tra la miriade di regimi alimentari proposti sul mercato? Oltre al determinante contributo per perdere peso in vista della prova costume, la dieta mediterranea porta con sé numerosi altri vantaggi: al primo posto la riduzione della possibilità di contrarre malattie, che deriva dal maggiore consumo di proteine vegetali rispetto a quelle animali (66%), seguita dalla riduzione dei grassi saturi a favore di quelli insaturi (64%) e dal consumo maggiore di carne bianca rispetto a quella rossa (61%).

 

Dallo chef Cerea arrivano anche i consigli su quali piatti della dieta mediterranea scegliere e come cucinarli nel modo più leggero possibile per vincere la sfida con la prova costume: "Gli alimenti più gettonati in questo periodo sono la quinoa, l'amaranto, l'avocado, il lemongrass, il mango e il daikon, ma - consiglia - per la maggiore vanno sicuramente le insalatone. Ad esempio si può preparare un'insalata di pesce mista al vapore accompagnata a del pesto gentile. Molto gustosa anche la classica nizzarda, sostituendo però il tonno sott'olio con del tonno crudo. Da provare anche i fagiolini dell'orto, meglio se quelli bianchi, conditi con cipollotto fresco". Per quanto riguarda la cottura, invece, "consiglio di scegliere il crudismo, la cottura a vapore, alla griglia o alla piastra. Capitolo condimenti: in un periodo di dieta fare attenzione al burro, olio , aceto balsamico, sale - conclude - mentre sono da bandire totalmente la margarina e gli oli idrogenati come l'olio di palma e di cocco".

 

1 giugno 2015 | ADNKronos