Salute

Salute: Onda, priorità per 7 italiane su 10, ma solo 46% ne è soddisfatto

Roma, 4 feb. (AdnKronos Salute) - L'importante è la salute. Oggi, come nel 2006, la salute rimane al top nella vita delle italiane. Per il 69% delle donne il benessere rappresenta una priorità, ma per quanto facciano di più rispetto al passato per stare bene, solo il 46% è soddisfatto (70% nel 2006) della gestione della propria salute, e 2 su 3 (67%) vorrebbero poter fare di più. Questo il profilo che emerge da un'indagine promossa dall'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) su un campione di 800 connazionali tra i 18 e i 64 anni. Obiettivo, analizzare come sia evoluto a distanza di 10 anni il rapporto femminile con il proprio benessere.

I dati della survey, che replica un'analoga ricerca svolta da Onda nel 2006, sono stati presentati questa mattina a Milano in occasione del decennale dell'Osservatorio. Secondo quanto emerso dall'indagine molti sono stati i risultati raggiunti e, rispetto a dieci anni fa, si evidenzia un generale miglioramento degli stili di vita corretti: le donne curano molto di più la propria alimentazione (57%), ritenuta un elemento importante per mantenere un buono stato di salute, e fanno più attività fisica: oggi quasi la metà delle intervistate la pratica regolarmente (47%).

Inoltre appaiono molto più sensibilizzate e vicine al concetto di prevenzione, sia dal punto di vista dichiarato che pratico: il 49% afferma infatti di fare prevenzione (rispetto al 44% del 2006), mentre il 62% (rispetto al 48% del 2006) si sottopone a controlli e visite anche in assenza di malattie o problematiche specifiche.

Le principali barriere che ostacolano un'efficace attività di prevenzione sono il costo delle prestazioni (63%) e la scarsa informazione sugli esami di screening da effettuare (24%). Cresce anche il ruolo della donna come caregiver: 3 intervistate su 4 si occupano del benessere di almeno un familiare, pur percependo verso di sé meno supporto da parte della propria famiglia, e utilizzando soprattutto Internet come principale fonte di informazioni e aggiornamenti sui temi di salute (65% contro l'8% del 2006).

I risultati dell'indagine mostrano quindi un miglioramento del rapporto delle italiane con il proprio benessere, non ancora privo però di elementi negativi: oggi le donne, rispetto alla precedente rilevazione del 2006, si dichiarano meno soddisfatte del proprio stato di salute sia dal punto di vista fisico (23% sono poco e per nulla soddisfatte, contro il 17% nel 2006), sia da quello psicologico e mentale (14% poco o per nulla soddisfatte, rispetto al 10% nel 2006). In particolare, lo stress e i problemi psichici sono i principali disturbi che affliggono le intervistate. Tra le criticità emerse dalla ricerca, il 44% ritiene insufficienti i servizi offerti dal Servizio sanitario nazionale, e simili percentuali di insoddisfazione si riscontrano anche rispetto all'attenzione alle esigenze femminili da parte di ospedali e Istituzioni (rispettivamente il 46% e il 47%).

Onda dal 2007 premia con l'assegnazione di Bollini Rosa gli ospedali italiani che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, riservando particolare attenzione alle specifiche esigenze dell'utenza rosa. "La nascita di Onda - afferma Francesca Merzagora, cofondatrice e presidente Onda - ha rappresentato una grande sfida con l'obiettivo di promuovere la medicina di genere richiamando l'attenzione a tutti i livelli sulle principali patologie femminili. Molti risultati sono stati raggiunti: dai dati emersi dall'indagine, rispetto a quella svolta dieci anni fa, si evidenzia un miglioramento degli stili di vita corretti e una maggiore attenzione alla prevenzione, messa in atto dal 62% delle intervistate".

Tumori (55%), disturbi psichici e stress (39%), malattie neurodegenerative (25%) e malattie cardiovascolari (18%) sono le principali preoccupazioni di salute delle italiane.

"Molto ancora resta da fare - aggiungeMerzagora - per migliorare la percezione delle donne sul grado di attenzione delle Istituzioni nei confronti della loro salute e sui servizi offerti dal Ssn. Occorre anche riflettere sul cambiamento radicale dell'approccio farmacologico: l'utilizzo esclusivo della medicina tradizionale passa dal 71% al 25%, a favore della medicina alternativa: a tale proposito, Onda sottolinea l'importanza per le patologie serie di non abbandonare un approccio terapeutico tradizionale".

"I primi dieci anni di Onda sono trascorsi molto velocemente e tante sono state le iniziative compiute", dichiara Alberto Costa, vice presidente Onda, chirurgo e senologo presso Gruppo MultiMedica di Milano. "Personalmente ho avuto la fortuna di veder realizzato un sistema di valutazione degli ospedali attenti alle donne (il programma Bollini Rosa) e di vedere comparire finalmente in Internet un sito pieno di informazioni accurate e validate, che posso consigliare alle mie pazienti per qualsiasi problema di salute al femminile. L'augurio a Onda per il suo compleanno? Riuscire a concretizzare, nel prossimo decennio, un ospedale interamente dedicato alle patologie femminili, intersecando le competenze e le conoscenze della medicina con le diverse fasi della vita della donna, dalla pubertà all'età fertile, dalla menopausa alla senescenza".

4 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us