Salute

Salute: migranti 'divisi' rispetto ad alcol e fumo, asiatici meno attivi

Record tabacco per stranieri di origine europea, poco alcol per africani

Roma, 18 mag. (AdnKronos Salute) - Il Paese d'origine influenza le scelte degli immigrati in termini di stile di vita e salute. Infatti i migranti che arrivano in Italia dai Paesi europei fumano molto più degli italiani, ben il 40% rispetto al 28%. Gli africani consumano molti meno alcolici, mentre gli asiatici in genere sono più pigri. E' quanto emerge da un'analisi sui comportamenti dei migranti a confronto con quelli degli italiani, che l'Organizzazione mondiale della sanità ha promosso utilizzando le 230 mila interviste raccolte in Italia tra il 2008 e il 2013 dal sistema di sorveglianza 'Passi', promosso dal ministero della Salute e coordinato dall'Istituto superiore di sanità.

Per la lotta alle malattie cronico-degenerative, per migliorare la salute e contrastare le diseguaglianze è necessaria un'informazione puntuale anche sugli stili di vita dei migranti in Italia, che permetta di sviluppare programmi di prevenzione mirati, spiegano i ricercatori nel volume 'Malattie croniche e migranti in Italia', realizzato da Oms, Iss e Università Ca' Foscari di Venezia e presentato pubblicamente oggi a Ca' Foscari. Consumo di alcol, fumo, ma anche accesso ai servizi di prevenzione e promozione della salute, come gli screening per i tumori, sono tra le informazioni raccolte ed elaborate.

Per quanto riguarda abitudine al fumo e consumo di alcol, tra gli stranieri che vivono in Italia esistono forti differenze, sia in positivo che in negativo, a seconda dell'area di origine.

Rispetto a una proporzione del 17% di italiani tra 18 e 69 anni che consumano alcol in modo dannoso, solo il 7% di chi proviene da Nord Africa fa altrettanto. Per contro, una quota maggiore (22%) degli stranieri da aree americane a forte pressione migratoria consuma alcol in modo dannoso. Anche la prevalenza di fumatori è molto differente: tra gli stranieri da Paesi europei a forte pressione migratoria fuma ben il 40%, rispetto al 28% degli italiani. Una maggiore proporzione di italiani ha dichiarato di avere smesso di fumare, mentre il risultato più positivo in termini di non fumatori riguarda i migranti dall'Africa sub-sahariana. Le differenze si riducono tra chi riferisce di essere fisicamente attivo e solo gli stranieri di origine asiatica intervistati risultano più sedentari.

Per quanto riguarda la prevenzione, l'adesione allo screening oncologico per i tumori del collo dell'utero, del seno e del colon-retto è "significativamente minore nella popolazione immigrata rispetto a quella italiana". Ma anche su questi aspetti la situazione è diversificata, con stranieri di origine sudamericana che presentano comportamenti uguali o persino migliori rispetto agli italiani e quelli di origine asiatica con livelli di accesso bassi in modo preoccupante.

Inoltre, il report indaga sul ruolo dell'ambiente in cui gli stranieri vivono in Italia e sulle modifiche dei comportamenti di salute a seconda del tempo di permanenza in Italia. Una situazione che, in generale, richiede agli operatori sanitari di conoscere atteggiamenti e comportamenti diffusi nei diversi sottogruppi di popolazione immigrata e di adeguare l'offerta di prevenzione e promozione della salute, in linea con le raccomandazioni promosse a livello internazionale.

18 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us