Salute

Fine settimana di 3 giorni per stare bene (e lavorare meglio)

La proposta di un economista che si basa su alcune recenti ricerche scientifiche.

Può sembrare una provocazione che farà sorridere chi è appena rientrato dalle vacanze e arrabbiare chi un lavoro non lo trova, ma lavorare meno è un elisir di salute e benessere. Tanto che il docente di Economia dell'University of Leeds David Spencer propone fine settimana di tre giorni tutto l'anno, per migliorare la salute e la produttività dei lavoratori.

L'articolo, scritto dall'economista per The Conversation, sta rimbalzando sulla stampa britannica. Nel testo si evidenzia come, in base a diverse ricerche recenti, lavorare troppo fa male alla salute, fisica e psichica. Moltiplicando così il rischio di incappare in un ictus, in una cardiopatia o di ammalarsi di diabete.

Non solo. «Lavorando la maggior parte del tempo, perdiamo occasioni preziose per stare con famiglia e amici». E soprattutto perdiamo l'abilità di fare ciò che «dà valore alla vita». Secondo Spencer si finisce per cadere in una trappola: lavoriamo talmente tanto che non c'è tempo né energia per trovare modi di vita alternativi.

Insomma, il lavoro oggi non ci rende liberi, ma piuttosto rende più difficile riuscire a realizzare se stessi. Tutto questo dovrebbe spingerci a comprendere «la necessità di lavorare meno». E a ripensare la stessa etica del lavoro: lavorare meno può essere una via per farlo meglio, e per godersi di più la vita. In che modo? Le tecnologie possono essere d'aiuto, anche se finora hanno moltiplicato la produttività, dilatando l'orario di lavoro.

Ma se i costi di lunghe ore in ufficio o in fabbrica sono una salute peggiore e un ridotto benessere dei lavoratori, anche la produttività ne risente, aggiunge l'esperto, convinto che "tagliando" l'orario di lavoro si può incidere su questo aspetto in modo positivo. La sfida è potente: reimmaginare la società abbracciando l'idea di lavorare meno, per vivere meglio la nostra vita.

1 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us