Salute

Salute: la polemica, occhio alle insidie nascoste nel dentifricio

Sostanze chimiche possono causare danni a mucosa, gengive ed ecosistema

Roma, 26 gen. (AdnKronos Salute) - Il pericolo si cela nel dentifricio. Ad accendere i riflettori su questo alleato della salute orale sono i dentisti britannici, convinti che alcuni prodotti in commercio contengano sostanze dannose per la nostra salute. Si tratta di sostanze chimiche collegate a possibili lesioni del cavo orale, ma anche a disturbi cardiaci, irritazioni e a rischi per l'ecosistema. A illustrare questa tesi è Tony Talbot, esperto in odontoiatria restaurativa e membro del Royal College of Surgeons, che auspica una maggior trasparenza nel settore, per aiutare dentisti e cittadini a scegliere il dentifricio più adatto.

Dopo più di 35 anni nella professione, Talbot spiega al 'Daily Mail': "Il pubblico è intelligente, ma ha bisogno di vedere oltre il marketing e di essere ben informato su cosa sta comprando. Alcuni prodotti utilizzano uno slogan che indica che sarebbero i 'più utilizzati dai dentisti', ma questo solo perché mandano campioni gratuiti a ogni dentista del Paese". Ecco gli ingredienti che preoccupano Talbot: al primo posto il sodio laurilsolfato (Sls). Una sostanza "presente nell'85% dei dentifrici", usata per permettere alla pasta essere uniforme. "Il problema è che apre un varco tra la mucosa e le cellule della bocca, cosa che permette a eventuali tossine o agenti cancerogeni di entrare. La mucosa orale è uno dei più delicati tessuti del nostro corpo e il Sls è effettivamente un detergente", che può causare irritazioni e abrasioni all'interno della bocca, e anche ulcere della bocca croniche, dice l'esperto. ''Se vedo un paziente con afte ricorrenti, una delle prime cose che faccio è prescrivere l'uso di un dentifricio non-Sls", spiega.

Altro motivo di preoccupazione per il dentista è la passione, sempre più diffusa, per un sorriso abbagliante. Che porta spesso a scelte fai da te. Gli sbiancanti utilizzano perossidi e perossido di idrogeno per rendere candidi i denti - afferma Talbot - sostanze note per essere tossiche e irritanti per tutti i tessuti molli. Danneggiano le mucose della bocca e possono causare danni alle cellule superficiali delle gengive".

Altra sostanza che preoccupa il medico è il triclosano, prodotto chimico usato per prevenire le malattie gengivali. "E' utilizzato nei dentifrici dai chimici industriali per evitare la formazione di batteri", afferma Talbot. ''C'è stato un certo clamore sui prodotti contenenti questo ingrediente negli Stati Uniti l'anno scorso. Alcuni studi su modelli animali hanno mostrato ha un effetto sull'attività ormonale e una potenziale attività cancerogena". Una polemica rispedita al mittente da Patricia Verduin, responsabile della ricerca e sviluppo Colgate-Palmolive: "Le affermazioni recenti secondo cui il triclosan nel dentifricio può portare al cancro sono assolutamente false.

Agenzie regolatorie hanno esaminato la questione della cancerogenicità e hanno concluso che il triclosan in prodotti di consumo non rappresenta un rischio di cancro".

Altra insidia, stando al dentista Gb, è rappresentata dalle micro-particelle di plastica presenti in alcuni dentifrici, che sono così piccole da essere invisibili a occhio nudo. "Agiscono come abrasivo per rimuovere le macchie dai denti. Ma corrono anche attraverso i nostri sistemi idrici e ora stanno trovando la loro strada nella catena alimentare. Queste microperle sono state trovate all'interno di ostriche, cozze, aragoste e pesci nel Mare del Nord, nell'Oceano Pacifico e nell'Atlantico. Il loro effetto è simile a quello dei sacchetti di plastica", per l'ecosistema. Nonostante tutte queste sostanze chimiche potenzialmente pericolose, Talbot sottolinea l'importanza dei dentifrici per la nostra salute. Grazie al fluoro hanno migliorato significativamente "la salute dentale e hanno contribuito a ridurre la carie", dice l'esperto.

26 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us