Salute

Salute: la 'pigrizia' costa al mondo 67 mld dollari in un anno

Su Lancet stimato per la prima volta l'impatto economico globale dell'inattività fisica

Milano, 28 lug. (AdnKronos Salute) - Il 'dolce far niente' ammazza la salute, ma anche l'economia mondiale. In un anno le spese sanitarie e la perdita di produttività legate all'inattività fisica risucchiano in un buco nero 67,5 miliardi di dollari. E' la prima volta che viene stimato il peso delle pigrizia a livello globale. A quantificare "l'enorme carico economico" di un mondo sempre più sedentario è stato un team di scienziati dell'università di Sydney, in uno studio pubblicato su 'The Lancet'.

L'anno preso in considerazione è il 2013: gli esperti sono arrivati a fotografare l'impatto finanziario dell'inattività fisica esaminando i costi sanitari diretti, la perdita di produttività e gli anni vissuti in disabilità o in malattia - calcolati con l'indicatore Daly, cioè disability-adjusted life years - per le 5 principali patologie correlate alla sedentarietà: malattia coronarica, ictus, diabete di tipo 2, cancro al seno e al colon. E la loro stima, riguardo all'effetto della sedentarietà su queste malattie e sulla mortalità per qualsiasi causa, è prudenziale.

Lo studio guidato da Melody Ding, ricercatrice della School of Public Health dell'ateneo australiano, si basa su dati provenienti da 142 Paesi, che rappresentano il 93,2% della popolazione mondiale. "L'inattività fisica è riconosciuta come una pandemia globale che porta non solo a malattie e morti precoci, ma impone anche un grande onere per l'economia", spiega Ding, che fa notare come sia a livello globale che di ciascuna nazione queste cifre siano "probabilmente una sottostima del costo reale, a causa delle metodologie conservative utilizzate dal team di ricercatori e della mancanza di dati in molti Paesi".

I 67,5 miliardi di dollari divorati dalla pigrizia includono 53,8 mld di costi diretti (spesa sanitaria) e 13,7 mld di costi indiretti (perdita di produttività). Nel dettaglio, la perdita totale di entrate fiscali attraverso la spesa sanitaria pubblica è di 31,2 mld, l'importo totale dei pagamenti nel settore privato per le malattie legate all'inattività fisica è a quota 12,9 mld, e alla stessa voce la somma totale delle spese pagate dalle famiglie di tasca propria è di 9,7 miliardi. Mentre il diabete di tipo 2 risulta la patologia di maggior impatto (legato alla sedentarietà), con un conto di 37,6 miliardi di dollari solo in termini di costi diretti.

Lo studio mostra che "l'onere economico dell'inattività fisica è distribuito tra le regioni del mondo in modo disuguale e sproporzionato - evidenzia Ding - I Paesi ad alto reddito portano una quota maggiore di onere economico mentre i Paesi a basso e medio reddito hanno una percentuale maggiore del carico di malattia. Le famiglie meno abbienti pagano di più in termini di morte prematura e di malattia, e ciò mostra le disuguaglianze esistenti.

In generale, nelle nazioni più povere i bisogni di salute non vengono soddisfatti per via di sistemi sanitari ed economici meno avanzati. Ma quando questi Paesi si svilupperanno, se la pandemia di inattività fisica si diffonderà ulteriormente come è atteso, crescerà anche il conseguente carico economico".

In generale, continua la scienziata, si prevede un aumento dell'impatto finanziario della pigrizia, se non si interviene per migliorare i livelli di attività fisica delle popolazioni. "Lo studio - osserva - fornisce informazioni utili per l'elaborazione di politiche, la distribuzione di finanziamenti e la prevenzione globale". E offre, secondo Adrian Bauman, esperto dell'università di Sydney, "un'ulteriore motivazione per dare priorità alla promozione di un'attività fisica regolare in tutto il mondo, come parte di una strategia globale per ridurre le malattie non trasmissibili. E' un investimento importante che i governi dovrebbero considerare e che potrebbe portare a risparmi in termini di costi sanitari e maggiore produttività nel mercato del lavoro".

28 luglio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us