Salute

Salute: l'abuso di Internet aumenta il rischio di pressione alta

Giovanissimi più esposti, il 20% dei forti utilizzatori è iperteso e il 43% sovrappeso

Milano, 8 ott. (AdnKronos Salute) - Diminuire le ore passate su Internet non ha solo vantaggi sull'umore, ma anche sul fisico. Almeno stando a uno studio americano che ha correlato la presenza online con l'aumento della pressione arteriosa. I ricercatori del Detroit's Henry Ford Hospital hanno sintetizzato i loro risultati in un rapporto, dal quale emergono dati preoccupanti anche per gli adolescenti. I ragazzi che passano oltre 14 ore la settimana sul web sarebbero infatti più predisposti all'ipertensione. Su 134 giovani utilizzatori, ben 26 hanno fatto registrare una pressione sanguigna molto più alta del normale.

Lo studio - riporta l''Independent' - è il primo in grado di correlare l'uso di Internet con l'ipertensione e va ad aggiungersi a quelli che suggeriscono legami tra un forte uso della Rete e condizioni di ansia, depressione, obesità e isolamento sociale. Nel report americano i ricercatori evidenziano che il 43% di chi passa molte ore davanti allo schermo è sovrappeso, contro il 26% di chi usa poco Internet. Non è chiaro se sia la frequentazione online che impigrisce le persone, oppure se uno stile di vita sedentario le spinga a passare online anche il proprio tempo libero. L'unica cosa certa è che un uso incessante della Rete è dannoso per la salute.

Per Cassidy-Bushrow, tra gli autori del lavoro e ricercatore all'Henry Ford's Department of Public Health, la chiave del problema starebbe nella moderazione. "E' importante che i ragazzi si prendano delle pause da computer e smartphone e facciano attività fisica - raccomanda l'esperta - Consiglio ai genitori di porre dei limiti almeno in casa al tempo che i propri figli passano su Internet. Credo che 2 ore al giorno, per 5 giorni la settimana, sia un buon compromesso".

8 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us