Salute

Sport e integratori non sono così efficaci contro il declino cognitivo

Due studi pubblicati su Jama fanno il punto sugli effetti dell'attività fisica e della supplementazione di nutrienti sulla funzione cognitiva?

L'attività fisica e la supplementazione di nutrienti hanno effetti sulla funzione cognitiva? Se lo domandano due studi pubblicati su Jama. Nel primo lavoro della Wake Forest School of Medicine, è stato valutato se un programma di attività fisica di 24 mesi si possa tradurre in una mente più "brillante", in un minor rischio di disturbi cognitivi lievi o demenza, o entrambi, a confronto con un programma di sola educazione sanitaria.

I ricercatori hanno scoperto che un'attività fisica di moderata intensità non porta a un miglioramento della funzionalità cognitiva globale o specifica rispetto alle semplici lezioni di educazione alla salute: non è stata notata alcuna differenza significativa tra i gruppi nell'incidenza di disturbi o demenza (13,2% vs 12,1%), anche se questo risultato ha un limitato potere statistico.

«La funzione cognitiva è rimasta stabile nei 2 anni per tutti i partecipanti. Ma non possiamo escludere che entrambi gli interventi siano riusciti a mantenere tale funzione», ipotizzano comunque gli autori.

Sebbene possa avere meno effetto contro il declino cognitivo, lo sport è però molto utile per malattie anche diversissime fra loro. Nessuna medicina agisce a così ampio raggio. Ve lo raccontiamo in un approfondito articolo di Margherita Fronte sul numero 275 di Focus, in edicola fino al 22 settembre 2015. Focus è anche su iOS - Android - Amazon - Zinio (web). E per non perderti nessun numero abbonati qui

Gli integratori non funzionano. In un altro studio, Emily Chew del National Eye Institute di Bethesda e colleghi hanno testato gli effetti della supplementazione orale con nutrienti sulla funzione cognitiva. Anche in questo caso, non ci sono state differenze statisticamente significative quanto a funzione cognitiva fra i partecipanti che hanno ricevuto integratori alimentari (vitamina C, betacarotene, zinco) rispetto a quelli che non li hanno assunti.

«Il processo di declino cognitivo si può verificare nel corso di decenni, dunque una supplementazione alimentare a breve termine, somministrata quando è troppo tardi, può non essere efficace», spiegano gli autori.

26 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us