Salute

Salute: incidenti stradali e violenza prime cause morte giovani nel mondo

Roma, 11 mag. (AdnKronos Salute) - Incidenti stradali, autolesionismo e violenza sono le principali cause di morte fra gli adolescenti di tutto il mondo. A calcolarlo l'Institute for Health Metrics and Evaluation della University of Washington, che ha analizzato i dati della Global Burden of Disease survey, che coprono il periodo 1990-2013. I risultati appaiono sulla rivista 'The Lancet'.

Nel mondo ci sono 1,8 miliardi di persone di età compresa tra 10 e 24 anni, che rappresentano più di un quarto della popolazione totale. Ben 9 su 10 vivono in paesi in via di sviluppo. Entro il 2032 il loro numero salirà a due miliardi. Secondo l'indagine, i tassi di rapporti sessuali non protetti sono saliti alle stelle in questa fascia d'età, cosa che rende questa abitudine il fattore di rischio di malattia a più rapida crescita.

Gli incidenti stradali sono il killer principale tra 15 e 19 anni e tra 20 e 24 anni (14,2% e 15,6%), seguiti da autolesionismo (8,4 e 9,3%) e violenza (5,5 e 6,6%). La depressione ha provocato il maggior numero di problemi di salute in tutto il mondo nel 2013, con più del 10% dei casi fra 10 e 24 anni. Un peso crescente a livello patologico lo stanno assumendo le malattie della pelle (9,9%) come l'acne e le dermatiti. L'alcol rimane fattore di rischio leader mondiale per malattia nei giovani adulti tra i 20 e i 24 anni, seguito dalla droga.

"I giovani sono la più grande risorsa non sfruttata del mondo. Gli adolescenti possono essere forze motrici fondamentali nella costruzione di un futuro dignitoso per tutti", ha commentato il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon.

11 maggio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us