Salute

Salute: il rapporto, chili di troppo per oltre 27 milioni di italiani

Un connazionale su 7 ha il diabete o è a rischio di svilupparlo

Roma, 19 apr. (AdnKronos Salute) - Nel mondo sono 640 milioni gli obesi, mentre in Italia i dati Istat documentano fra il 2001 e il 2010 una crescita di circa 2 milioni del numero di persone in sovrappeso e di oltre 1 milione per le persone francamente obese, per un totale di oltre 27 milioni di persone in eccesso ponderale. Al tema dell'obesità è dedicato l'Italian Barometer Diabetes Report 2015, dal titolo 'Il management dell'obesità e del diabete di tipo 2: le sfide da vincere', presentato questa mattina a Roma.

"Il Barometer Report è un documento pubblicato annualmente con l’obiettivo di attivare il confronto e le riflessioni istituzionali sui grandi temi che riguardano il diabete e l’obesità nel nostro Paese, sulle grandi sfide che queste patologie comportano in termini di sostenibilità e accesso alle cure", spiegano gli editor Renato Lauro, presidente di Ibdo Foundation-Italian Barometer Diabetes Observatory, e Giuseppe Novelli, rettore dell'Università di Roma Tor Vergata. Sono 3,6 milioni le persone con diabete nel nostro Paese, a cui va aggiunta una quota che, pur avendo la malattia, non ne è a conoscenza. "Ancora troppo spesso - commenta Paolo Sbraccia, presidente della Società italiana dell’obesità - si considera l'obesità una condizione estetica e non una vera e propria malattia. L’obesità è causa, in primis, di aumentato rischio di diabete di tipo 2, quindi di malattie cardiovascolari e di alcune forme di tumore".

Il rapporto 2015, come chiarisce il suo curatore Domenico Cucinotta, past president dell’Associazione medici diabetologi e professore di medicina interna all’Università di Messina, si propone di esaminare la questione obesità nelle sue mille sfaccettature, "nella convinzione che la stretta sinergia tra autorità regolatorie e mondo della ricerca e della clinica sia un requisito indispensabile per attuare un efficace intervento di prevenzione dell’obesità e del diabete mellito, necessario per arginare il fenomeno".

"E' stato individuato e messo a punto da ricercatori nordamericani un indice, il modernization index, che si è dimostrato un forte predittore dello sviluppo di obesità e di diabete nelle popolazioni a rischio. Viene calcolato in base al tipo e al numero di oggetti-simbolo di cui si è in possesso: frigorifero, telefono, televisore, automobile, lavatrice, cellulare, internet, lettore Dvd", ricorda Cucinotta. In Italia inoltre - tra consapevoli e non - sono quasi 5 milioni le persone con diabete, cui si aggiungono 3,6 milioni ad alto rischio di svilupparlo, per un totale di quasi 8,5 milioni tra diabetici e persone a rischio: quasi 1 italiano su 7.

E ancora, in Italia secondo l'Istat nel 2000 risultava diabetico il 3,9% della popolazione, poco più di 2 milioni di persone, diventate quasi 3 milioni (4,6% della popolazione) nel 2011.

Se la crescita della prevalenza della malattia continuerà ai ritmi attuali, entro 20 anni potrebbero essere oltre 6 milioni (9% della popolazione totale) le persone affette da diabete, con enormi implicazioni assistenziali, sociali ed economiche. "Visti questi dati di scenario e di trend, una speranza concreta risiede nella pianificazione urbana. Numerose osservazioni mettono in rapporto parte dei miglioramenti registrati in alcuni paesi altamente urbanizzati, come Giappone, Svezia, Paesi Bassi e Singapore, a elementi potenzialmente salutari delle moderne città di questi stati", dice Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto superiore di sanità.

"Un ruolo importante nel limitare la prevalenza delle malattie croniche è svolto da una corretta pianificazione urbana, che preveda la possibilità di costruire aree verdi per l’attività fisica. Gli abitanti delle città - prosegue - risultano più attivi quando il circondario è percepito come sicuro, esteticamente gradevole e dotato di spazi verdi e situazioni capaci di incentivare il movimento, con impatti positivi su riduzione del rischio cardiovascolare e longevità. Al contrario, l’assenza di servizi di base facilmente raggiungibili incentiva l'utilizzo dei veicoli privati, generando una dipendenza da auto e moto che impatta negativamente sul benessere, psicologico e sociale, della persona", conclude.

19 aprile 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Gli eccessi della Rivoluzione francese raccontati attraverso la tragedia delle sue vittime più illustri, Luigi XVI e Maria Antonietta. La cattura, la prigionia, i processi e l’esecuzione della coppia reale sotto la lama del più famoso boia di Parigi. E ancora: come si studiava, e si insegnava, nelle scuole del Cinquecento; l’ipotesi di delitto politico dietro la morte di Pablo Neruda, pochi giorni dopo il golpe di Pinochet; l’aeroporto di Tempelhof, a Berlino, quando era palcoscenico della propaganda nazista.

ABBONATI A 29,90€

Perché il denaro ci piace tanto? Gli studi spiegano che accende il nostro cervello proprio come farebbe gustare un pasticcino o innamorarsi. E ancora: la terapia genica che punta a guarire cardiopatie congenite o ereditarie; come i vigili del fuoco affinano le loro tecniche per combatte gli incendi; i trucchi della scienza per concentrarsi e studiare meglio; si studiano i neutrini nel ghiaccio per capire meglio la nostra galassia.

ABBONATI A 31,90€
Follow us