Salute

Salute: futuro presidente diabetologi, serve screening per over 45 e migranti

Sesti (Sid), anche un test da 4 euro porterebbe a galla casi sommersi

Stoccolma, 18 set. (Adnkronos Salute) - "In Italia manca uno screening di popolazione per il diabete. Le autorità politiche dovrebbero adoperarsi per colmare questa lacuna, che aiuterebbe a far emergere i casi di patologia sommersi": si calcola infatti che quasi un diabetico su 2 non sappia di esserlo, e circa il 40% di chi arriva alla diagnosi di diabete di tipo 2 presenta già un danno d'organo. A lanciare l'appello alle Istituzioni è Giorgio Sesti, presidente eletto della Società italiana di diabetologia (Sid), dal Congresso dell'Associazione europea per lo studio del diabete (Easd) che si chiude oggi a Stoccolma. L'esperto auspica test 'a tappeto' per gli ultra 45enni a rischio e per tutelare la salute dei migranti, spesso geneticamente più predisposti alla malattia metabolica.

Il futuro presidente dei diabetologi italiani non ha dubbi sul rapporto positivo costo-benefici di uno screening per il diabete: "L'esame più semplice è la misurazione della glicemia, spesa 4 euro, anche se quello più sensibile è il test del carico di glucosio". Lo screening dovrebbe riguardare "tutti gli over 45 se hanno un genitore o un fratello diabetico, se sono obesi o sovrappeso, se sono ipertesi, se hanno alti livelli di grassi nel sangue e basso colesterolo 'buono' Hdl, se sono donne con sindrome dell'ovaio policistico". Secondo Sesti, inoltre, "sarebbe importante pensare a uno screening rivolto ai migranti. Per ragioni genetiche - ricorda - le popolazioni di Africa, Asia e del Golfo persico sono più esposte al rischio di sviluppare diabete".

18 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us