Salute

Salute: fisico a pera batte quello a mela, meno rischi per il cuore

Roma, 4 apr. (AdnKronos Salute) - La rivincita delle silhouette a pera. Uno studio dell'Intermountain Medical Center Heart Insitute di Salt Lake City e del John Hopkins Hospital di Baltimora fornisce nuove prove alla tesi che sia meglio avere un fisico a forma di pera - con il peso intorno ai fianchi - che 'a mela', ovvero con l'adipe intorno all'addome. I ricercatori hanno infatti scoperto che l'obesità addominale - tipica di chi ha un corpo a forma di mela - è un forte predittore di malattia cardiaca grave nei pazienti con diabete di tipo 1 o di tipo 2, e senza sintomi di cardiopatia.

Avere un fisico a mela è già stato associato con la sindrome metabolica, ma questo nuovo studio ha trovato che la circonferenza della vita è anche una forte spia del rischio di altri problemi, come la disfunzione ventricolare nei pazienti. La sindrome metabolica è spesso accompagnata da un eccesso di grasso intorno all'addome.

Il team ha studiato 200 uomini e donne diabetiche che non avevano ancora segni di malattia coronarica. Ebbene, anche indipendentemente dall'indice di massa corporea, l'obesità addominale è risultata fortemente associata con la disfunzione ventricolare sinistra, una comune causa di malattie cardiache. I risultati sono stati descritti all'American College of Cardiology Scientific Session a Chicago.

Questo studio "conferma che avere un corpo a forma di mela può portare a malattie cardiache, e che ridurre il girovita è in grado allo stesso tempo di ridurre i rischi", dice Brent Muhlestein, autore dello studio.

"Abbiamo scoperto che la circonferenza della vita sembra essere un forte predittore di disfunzione ventricolare sinistra, più del peso corporeo totale o dell'indice di massa corporea", spiega Boaz D. Rosen del Johns Hopkins. In ogni caso, concludono gli autori, sono necessari ulteriori studi per verificare questi risultati.

4 aprile 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us