Salute

Salute: Europa sottovaluta suo 'peso', 1 oversize su 3 si crede più magro

A Goteborg primo European Obesity Summit, indagine Easo svela occhio troppo benevolo a chili in eccesso

Milano, 31 mag. (AdnKronos Salute) - L'Europa sottovaluta il proprio peso. Non quello 'politico'. Ma la bilancia la tradisce. Un'indagine condotta dalla Società europea dell'obesità (Easo) - su un campione rappresentativo di cittadini europei, 2 mila italiani - mostra che i cittadini del Vecchio Continente si credono più magri di quanto siano in realtà: una persona su 5 ritiene il proprio peso 'normale' mentre è tecnicamente in sovrappeso, con un indice di massa corporea (Bmi) superiore a 25 kg/m2. E uno su 3 fra coloro che si autoclassificano come sovrappeso risulta essere in realtà obeso (Bmi superiore a 30 kg/m2).

"Essere sovrappeso in Europa sta purtroppo diventando la normalità. La percezione del proprio peso corporeo è in gran parte falsata", avverte Paolo Sbraccia, presidente della Società italiana dell'obesità (Sio), che illustra i dati dell'indagine presentando il primo European Obesity Summit (Eos), Congresso congiunto dell'Easo e dell'International Federation for Surgery of Obesity (Ifso), che si inaugura domani a Goteborg in Svezia.

"I cittadini europei si ritengono più magri di quanto siano in realtà e ciò può rappresentare un problema. Dal punto di vista medico, perché sovrappeso e obesità provocano malattie cardiovascolari, diabete e molte altre condizioni", ricorda l'esperto, e "dal punto di vista sociale, perché genitori obesi o sovrappeso che sottostimano il proprio peso saranno portati a sottostimare anche quello dei propri figli, con tutto ciò che ne consegue".

Dall'indagine, spiega Sbraccia, emerge un quadro particolarmente preoccupante soprattutto per i Paesi del Nord Europa, in cui quasi la metà delle persone che si ritiene semplicemente un po' in carne è in realtà obesa. Leggermente migliore la situazione in Italia, dove la percentuale di chi sottostima il proprio peso si dimezza: uno su 10 per il sovrappeso, uno su 6 per l'obesità. Ma nel Vecchio Continente a usare un metro distorto per interpretare l'epidemia di taglie XXL è anche la politica, osserva lo specialista: "L'obesità è una malattia importante, per troppo tempo sottovalutata anche dal mondo politico e istituzionale, tanto è vero che proprio in queste settimane è alla firma dei parlamentari europei un documento volto a chiedere al Consiglio d'Europa e alla Commissione europea il riconoscimento dello status di malattia cronica per l'obesità".

Anche un altro dato della ricerca Easo conferma il trend 'al ribasso': solo il 46% degli europei intervistati considera l'obesità una malattia. Ma l'Italia si distingue in positivo, perché la quasi totalità (90%) del campione tricolore ritiene invece sia una condizione che necessita di cure specializzate. "Prevenire e curare l'obesità è possibile", sottolinea Sbraccia.

"Oltre alle necessarie modifiche dello stile di vita, alimentare e fisico, sono finalmente disponibili farmaci efficaci e sicuri come liraglutide 3 mg, indicato per il trattamento di sovrappeso e obesità, e per i grandi obesi la chirurgia bariatrica.

Soluzioni terapeutiche destinate ad affrontare e risolvere la malattia, anche grazie a un approccio multidisciplinare e integrato tra specialisti. Esattamente l'obiettivo di questo Congresso che, per la prima volta, riunisce ricercatori di base, clinici e chirurghi per discutere e condividere soluzioni ed esperienze", conclude lo specialista.

31 maggio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us