Salute

Salute: esperti Fmsi, sedentarietà sia riconociuta patologia

A Catania il congresso

Catania, 24 ott. (AdnKronos Salute) - Fare riconoscere al ministero della Salute la sedentarietà nella lista delle patologie. E' l'obiettivo del ongresso della Federazione medico sportiva italiana (Fmsi), in corso al teatro Bellini di Catania. Giunto alla seconda giornata, l'evento è dedicato al tema della sedentarietà, patologia da combattere. In tal senso già ieri si sono espressi a favore, garantendo il proprio sostegno, il presidente del Coni Giovanni Malagò, e il sindaco della città di Catania, Enzo Bianco, affinché la sedentarietà sia inserita nella lista delle malattie.

I lavori di questa mattina sono stati introdotti dal presidente onorario della Fmsi, Giorgio Santilli. Quindi le relazioni di Luigi Di Luigi, della Università di Roma, che ha illustrato gli effetti della sedentarietà sul sistema endocrino metabolico; il professore Livio De Cais, relatore sul rischio cardiovascolare; il professore Piero Volpi sugli effetti a carico del sistema locomotore. Dalle relazioni è emerso che i rischi, soprattutto sul sistema endocrino metabolico, sono inversamente proporzionali alla quantità di movimento di un individuo.

I relatori infine hanno sollecitato la necessità di adottare un più calzante concetto di sedentarietà: si è sedentari anche a prescindere dalle classiche tre ore settimanali in palestra.

24 ottobre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Gli eccessi della Rivoluzione francese raccontati attraverso la tragedia delle sue vittime più illustri, Luigi XVI e Maria Antonietta. La cattura, la prigionia, i processi e l’esecuzione della coppia reale sotto la lama del più famoso boia di Parigi. E ancora: come si studiava, e si insegnava, nelle scuole del Cinquecento; l’ipotesi di delitto politico dietro la morte di Pablo Neruda, pochi giorni dopo il golpe di Pinochet; l’aeroporto di Tempelhof, a Berlino, quando era palcoscenico della propaganda nazista.

ABBONATI A 29,90€

Perché il denaro ci piace tanto? Gli studi spiegano che accende il nostro cervello proprio come farebbe gustare un pasticcino o innamorarsi. E ancora: la terapia genica che punta a guarire cardiopatie congenite o ereditarie; come i vigili del fuoco affinano le loro tecniche per combatte gli incendi; i trucchi della scienza per concentrarsi e studiare meglio; si studiano i neutrini nel ghiaccio per capire meglio la nostra galassia.

ABBONATI A 31,90€
Follow us