Salute

Salute: esperti, 10 anni di vita in più con prevenzione e cura malattie cuore

Al via 76esimo congresso nazionale Societa' italiana di cardiologia

Roma, 11 dic. (AdnKronos Salute) - La prevenzione e la cura delle malattie cardiovascolari hanno allungato l'aspettativa di vita di 10 anni. "Un traguardo raggiunto grazie ai progressi incredibili della cardiologia", ha spiegato Francesco Romeo, presidente della Società italiana di cardiologia (Sic) presentando oggi a Roma il 76esimo congresso nazionale, nella Capitale da oggi al 14 dicembre. Al centro dell'evento, con oltre 2mila partecipanti, la lotta allo scompenso cardiaco e all'aterosclerosi: le sfide più importanti del terzo millennio secondo i cardiologi. Spazio anche alla genetica e agli interventi hi-tech per affrontare le malattie cardiovascolari.

Sullo scompenso cardiaco la Sic lancia un allarme: una persona su tre sopra i 55 anni svilupperà questo problema nel corso della propria vita, ma nonostante i progressi nella cura della malattia, la meta' morirà entro 5 anni, una prognosi peggiore rispetto a molti tumori. Nel corso del congresso saranno presentati i notevoli sforzi compiuti per migliorare il trattamento e per individuare nuovi target terapeutici mediante terapia genica e impiego delle cellule staminali. Risultati promettenti arrivano dallo studio dei micro-Rna e di una nuova classe di farmaci antagonisti, oltre a dispositivi di assistenza ventricolare a lungo termine.

La lettura magistrale di apertura del congresso e' affidata a Eugene Braunwald, uno dei massimi esperti di cardiologia a livello mondiale ed ex direttore della dipartimento di Medicina dell'Universita' di Harvard (Usa). "Ho avuto la fortuna di aver sperimentato e di essere stato testimone delle maggiori rivoluzioni in Medicina - ha affermato lo scienziato nel suo intervento - e la Cardiologia e' la disciplina che più ha contribuito. Quando ho iniziato i pazienti morivano prima di arrivare in ospedale perché l'infarto non era considerato un'emergenza. E tra chi arrivava il 50% moriva nell'arco di un anno. Oggi - prosegue - questa situazione e' riconosciuta come un'emergenza, con sintomi precisi, si viene assistiti già in ambulanza e subito trattati giunti in ospedale. La moralità e' cosi' scesa dal 30% nel primo mese al al 6%. Una grande rivoluzione nelle terapie - ha concluso - e' stata l'introduzione delle statine che abbassano il colesterolo. Io le prendo da 28 anni tutti i giorni e sono arrivato in buona salute fino ad oggi".

Anche la salute del cuore dei giovani sarà discussa nelle sessioni del congresso. Ma la Sic da tempo si sta muovendo nella direzione della prevenzione. "Stiamo portando lo screening cardiologico nelle scuole di secondo livello per prevenire le morti cardiache nei giovani, che sono 1.000 l'anno - ha riferito Francesco Fedele, direttore della Scuola di specializzazione in Cardiologia dell'Universita' Sapienza di Roma - E' prevista inoltre dal decreto Buona Scuola e dalla legge 107 la formazione dei ragazzi sulle manovre salvavita, in questo modo i giovani saranno preparati in modo 'laico' anche all'uso del defibrillatore d'emergenza".

Altro aspetto che sarà affrontato dal congresso della Società italiana di cardiologia sono le complicanze dell'aterosclerosi (in particolare infarto e ictus) che rappresentano la principale causa di morbosità e mortalità nei paesi industrializzati. Un aspetto che sara' affrontato da un altro ospite internazionale il professor Jawahar L. Mehta dell'Università dell'Arkansas.

"L'intenso confronto con i numerosi partecipanti stranieri sottolinea la vocazione internazionale della cardiologia italiana - ha concluso Romeo - Per quanto riguarda le innovazioni terapeutiche, un approfondimento particolare riguarderà i nuovi anticoagulanti orali e i nuovi farmaci per il trattamento delle dislipidemie".

11 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us