Salute

Salute: 'dormiglioni del weekend' più a rischio di diabete e obesità

Studio boccia il 'social jet lag', meglio andare a letto presto e non poltrire tra le lenzuola nei giorni liberi

(AdnKronos Salute) - Attenzione a dormire troppo durante il weekend. Secondo uno studio americano, temporeggiare sotto le lenzuola aumenta il rischio di malattie come diabete e obesità. Il lavoro, pubblicato sul 'Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism', è il primo che associa il cosiddetto 'social jet lag' a queste patologie. Diverse ricerche hanno infatti correlato la modifica degli orari sonno-veglia al rischio di attacchi di cuore, che può arrivare anche al 40%, dimostrando anche che chi lavora su più turni è più esposto a malattie metaboliche, problemi di cuore e diabete di tipo 2 rispetto a chi segue un orario regolare.

La ricerca, ripresa dai media internazionali, considera invece persone che durante la settimana hanno le stesse abitudini e si concedono qualche 'strappo' nel weekend. "Il social jet lag riguarda la mancata corrispondenza tra ritmo circadiano biologico di un individuo e gli orari di sonno socialmente imposti - spiega Patricia Wong dell'università di Pittsburgh, tra gli autori del lavoro - Tuttavia, questo è il primo studio a dimostrare che anche tra adulti sani con orari di sonno più definiti il social jet lag può condurre a problemi metabolici. Questi possono portare allo sviluppo di obesità, diabete e malattie cardiovascolari". La pigrizia domenicale, insomma, sarebbe da evitare. Meglio continuare a alzarsi alla stessa ora rispetto al resto della settimana e non fare troppo tardi la sera.

Gli scienziati hanno monitorato il sonno di 447 persone tra i 30 e i 54 anni, che lavorano fuori casa per almeno 25 ore la settimana. I volontari hanno indossato per una settimana un braccialetto che ha registrato tutti i loro movimenti, 24 ore al giorno. I ricercatori hanno poi sottoposto al campione un questionario su dieta e attività fisica. Quasi l'85% ha fatto registrare un 'midsleep', corrispondente al momento centrale del sonno, spostato più avanti nei giorni liberi rispetto a quelli lavorativi. Questo significa andare a dormire più tardi e alzarsi dopo rispetto alle proprie abitudini.

Secondo lo studio, i partecipanti che hanno un maggiore disallineamento nel ritmo sonno-veglia tra giorni liberi e lavorativi tendono ad avere problemi come alti livelli di insulina a digiuno, maggiore girovita, indice di massa corporea più elevato e sono più resistenti all'insulina rispetto a coloro che hanno un social jet lag più basso. L'associazione persiste anche tenendo conto di altre variabili come l'attività fisica e l'apporto calorico.

"Se gli studi futuri confermeranno i nostri risultati, dovremmo considerare che il lavoro moderno e gli obblighi sociali influenzano il nostro sonno e la salute - osserva Wong - Potrebbero essere vantaggiosi interventi clinici concentrati sui disturbi circadiani, educazione sul posto di lavoro per aiutare gli impiegati e le loro famiglie a prendere decisioni consapevoli sui loro programmi, e politiche per incoraggiare i datori di lavoro a considerare questi problemi", conclude l'esperta.

19 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us