Salute

Salute: da marijuana a fumo, per uno studio sono meno mortali dell'alcol

Milano, 25 feb. (AdnKronos Salute) - La marijuana? Più sicura di quanto si pensasse, mentre i rischi dell'alcol verrebbero sistematicamente sottovalutati. A quanto pare anche rispetto al fumo. E' la conclusione a cui approda uno studio internazionale pubblicato su 'Scientific Reports', un sussidiario del gruppo editoriale di 'Nature'. Il team di ricercatori che lo firma ha esaminato il rischio di morte associato a varie sostanze di uso comune, prima mettendo a confronto una stima del tipico consumo da parte dell'uomo con una dose letale, quindi tenendo conto della percentuale di persone che su larga scala assumono i prodotti esaminati. Risultato: l'alcol si è rivelato come la sostanza di gran lunga più letale. Al confronto la cannabis è 114 volte meno mortale.

A livello di popolazione, l'alcol è l'unico a figurare nella categoria ad 'alto rischio'. Il tabacco finisce in una posizione ben più bassa della classifica, e la cannabis è l'unica sostanza a trovarsi nella fascia di 'rischio di mortalità basso'. Gli esperti fanno notare che comunemente il rischio di quest'ultima, in particolare, è stato sovrastimato, mentre i pericoli dell'alcol sono stati sottostimati. Ma precisano anche che lo studio non dovrebbe essere interpretato nel senso che un moderato consumo di alcol è più rischioso dell'uso regolare di eroina.

"Molti dei danni collegati all'uso di droghe sono pesantemente influenzati dalle condizioni ambientali di utilizzo, e questo rischio aggiuntivo non è incluso in una classificazione delle sostanze basata sulla tossicologia". Tuttavia per gli scienziati gran parte dei governi ha individuato priorità non corrette in tema di politiche sulle droghe. E i risultati sulla cannabis "suggeriscono un rigoroso approccio regolatorio 'legale', piuttosto che il corrente basato sul divieto".

25 febbraio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us