Salute

Salute: Cristoforetti, mi manca la leggerezza della gravità zero

Sono tornata terrestre rapidamente, ma ci vorrà tempo per una riabilitazione completa

Roma, 19 giu. (AdnKronos Salute) - "Non posso lamentarmi, il rientro è andato bene e anche nell'immediato è andato tutto bene. Non ho avuto problemi vestibolari, mi sono adattata molto rapidamente". E' Samantha Cristoforetti, prima donna astronauta italiana dell'Esa, a confermare così, raggiunta telefonicamente dall'Adnkronnos al centro della Nasa di Houston, in Texas, di essere "tornata rapidamente terrestre".

"Nello spazio mi sono goduta la leggerezza della microgravità che è come volare, ed io - continua Samantha, capitano dell'Aeronautica militare italiana - ho sempre amato il volo. Spero di non dimenticare quella sensazione, ma purtroppo, ad appena una settimana dal rientro, già non riesco a ricordare tutte le sensazioni di come fluttuavo nello spazio". Anche in orbita, racconta, "nel corso della missione mi sembrava di non avere mai camminato, non ricordavo come si camminava con i piedi a terra".

Tornando al suo programma di riabilitazione, Samantha spiega che "i primi passi li ha mossi quasi subito ma - dice - ci vorrà tempo per altri fattori come, ad esempio, rimettere in attività i tanti piccoli muscoletti che sono nella schiena e che sostengono la postura, permettendoci di stare seduti dritti, di tenere la schiena dritta. Nello spazio - sottolinea - è molto difficile allenare questi piccoli muscoli, contrariamente ai muscoli più grandi che teniamo in attività in orbita grazie ad un intenso programma ed a specifiche ginnastiche". "La riabilitazione completa quindi richiederà diverse settimane, forse mesi", conclude Astrosamantha.

19 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us