Salute

Salute: Cristoforetti, mi manca la leggerezza della gravità zero

Sono tornata terrestre rapidamente, ma ci vorrà tempo per una riabilitazione completa

Roma, 19 giu. (AdnKronos Salute) - "Non posso lamentarmi, il rientro è andato bene e anche nell'immediato è andato tutto bene. Non ho avuto problemi vestibolari, mi sono adattata molto rapidamente". E' Samantha Cristoforetti, prima donna astronauta italiana dell'Esa, a confermare così, raggiunta telefonicamente dall'Adnkronnos al centro della Nasa di Houston, in Texas, di essere "tornata rapidamente terrestre".

"Nello spazio mi sono goduta la leggerezza della microgravità che è come volare, ed io - continua Samantha, capitano dell'Aeronautica militare italiana - ho sempre amato il volo. Spero di non dimenticare quella sensazione, ma purtroppo, ad appena una settimana dal rientro, già non riesco a ricordare tutte le sensazioni di come fluttuavo nello spazio". Anche in orbita, racconta, "nel corso della missione mi sembrava di non avere mai camminato, non ricordavo come si camminava con i piedi a terra".

Tornando al suo programma di riabilitazione, Samantha spiega che "i primi passi li ha mossi quasi subito ma - dice - ci vorrà tempo per altri fattori come, ad esempio, rimettere in attività i tanti piccoli muscoletti che sono nella schiena e che sostengono la postura, permettendoci di stare seduti dritti, di tenere la schiena dritta. Nello spazio - sottolinea - è molto difficile allenare questi piccoli muscoli, contrariamente ai muscoli più grandi che teniamo in attività in orbita grazie ad un intenso programma ed a specifiche ginnastiche". "La riabilitazione completa quindi richiederà diverse settimane, forse mesi", conclude Astrosamantha.

19 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us