Salute

Salute: contrordine su olio di palma, errore in studio su legame con diabete

Usata sulle cavie la forma idrogenata, che non ha impiego nell'industria alimentare

Roma, 2 ott. (AdnKronos Salute) - Ha fatto il giro del mondo nei mesi scorsi la ricerca che collegava un elevato consumo di olio di palma con il rischio di aprire la strada al diabete. Ma ora su 'Diabetologia' arriva un 'erratum' inviato dallo stesso team italiano che ha firmato l'articolo. Una correzione, in cui si precisa che gli animali usati per l'esperimento sono stati nutriti con una dieta ricca di grassi, ma composta per il "60% di energia da olio di palma idrogenato". Una tecnica, quella dell'idrogenazione, che però non viene usata dall'industria alimentare.

Proprio questa errata informazione, corretta ora nella pubblicazione degli stessi autori diretti da Francesco Giorgino dell'Università di Bari, aveva portato a concludere che l'olio di palma in eccesso poteva aprire la strada al diabete.

"Sfortunatamente i dettagli della dieta ricca di grassi forniti nella sezione dell'articolo erano scorretti", scrivono gli autori. La dichiarazione di errore evidenzia dunque che l'effetto rilevato dallo studio deve essere attribuito all'uso di grassi idrogenati in eccesso, e non di olio di palma, che non richiede affatto per gli usi nell'alimentazione umana del processo di idrogenazione, ritenuto da anni dannoso per la salute. Questo perché l'olio di palma di fatto è già allo stato solido e pertanto non richiede tale processo, a differenza di altri oli vegetali.

2 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us