Salute

Salute: andare a letto presto scaccia pensieri negativi, lo studio

Roma, 11 dic. (AdnKronos Salute) - Bisogna andare a letto presto per essere felici. E' la tesi dei ricercatori della Binghamton University, negli Usa, secondo cui dormire poco, ma soprattutto coricarsi a tarda notte lascia molto più spazio, e tempo, ai pensieri negativi, più frequenti nelle persone che non hanno un sonno regolare. Lo studio è pubblicato sulla rivista 'Cognitive Therapy and Research'.

La ricetta per la felicità, dunque, è semplice. Precedenti ricerche avevano già evidenziato il legame fra i disturbi del sonno e la tendenza a fare pensieri negativi ripetuti di continuo, come un circolo vizioso caratterizzato da preoccupazione per il futuro e ossessiva analisi del passato, ansia, depressione e stress, e da cui si ha la sensazione di non riuscire a liberarsi. Jacob Nota e Meredith Coles, gli autori di questo nuovo studio, hanno indagato se questo circolo vizioso negativo è legato non solo a problemi del sonno, ma anche all'orario in cui si va a letto, coinvolgendo 100 giovani adulti in una serie di prove.

Ovviamente, è stato analizzato il rapporto degli studenti con il sonno e in particolare se si trattava di tipi notturni o mattinieri. Ebbene, quelli che si mettono abitualmente tardi sotto le coperte sono anche quelli che vedono più nero. E sono preda di pensieri negativi anche se hanno l'abitudine di svegliarsi presto al mattino. "Fare in modo di addormentarsi all'ora giusta può essere un intervento economico, e facile da diffondere, per le persone a rischio depressione", sottolinea Nota.

11 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us