Salute

Salute: Adi a Lorenzin, riconoscere l'obesità come malattia invalidante

Mozione sarà presentata l'11 ottobre, giorno successivo all'Obesity day

Roma, 6 ott.(AdnKronos Salute) - "Riconoscere l'obesità come patologia cronica invalidante". E' la mozione che l'Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica (Adi) presenterà l'11 ottobre al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Un 'passaggio' fondamentale per dare impulso alla creazione di una rete servizi ad hoc sul territorio, ha spiegato il presidente dell'Adi Antonio Caretto, al margine della presentazione della XVI edizione dell'Obesity day. Un evento organizzato dall'Adi, in programma il 10 ottobre, dedicato quest'anno al movimento - quello più semplice immediato, quotidiano e anche efficace come lo spostarsi a piedi - con lo slogan "Camminare è salute".

Il riconoscimento della malattia, secondo Caretto, "è un punto cardine. Si parla, infatti, di salute, di costi sociali, di gestione dei servizi pubblici. Questo perché riconoscere la patologia significa, ovviamente, dare importanza a tutti i percorsi di cura e assistenza ma anche dare ruolo, personale, risorse ai centri di riferimento, a livello regionale, in modo che si occupino e che curino le persone obese". Ma anche il paziente deve far la sua parte "deve essere consapevole di avere una patologia che può essere affrontata. Servono strutture pubbliche adeguate, dedicate non solo alla prevenzione ma anche alla presa in carico di quel 10% di popolazione italiana obeso e il 28% in sovrappeso, che deve essere curato".

Infine il riconoscimento ha una doppia valenza perché, conclude, "si innesca così un processo culturale scientifico ma anche sociale che può aiutare ad integrare le persone con questa patologia cronica invalidante. Dobbiamo finirla con i discorsi che si limitano al problema estetico o alla mancanza di volontà di chi vuol dimagrire ed è 'causa del suo male'. Oggi la scienza ci permette di andare avanti, oltre il pregiudizio".

6 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us