Salute: abuso alcol e droghe 'brucia' cervello, nel Lazio prevenzione a scuola

Campagna d'informazione presentata a Roma

alcol_giovani
|ADN Kronos

Roma, 22 mag. (AdnKronos Salute) - Si crea un danno enorme al cervello con l'abuso di alcol e stupefacenti. E' il messaggio lanciato oggi da Giulio Maira, professore di neurochirurgia all'Humanitas di Milano e al Campus Biomedico di Roma, ai 300 studenti di alcune scuole romane invitati dalla Regione Lazio per la campagna 'IoAmoLaVita, alcol e droga: non ti giocare il cervello'. Un'iniziativa del Consigliere regionale Michele Baldi, capogruppo della Lista civica Nicola Zingaretti al Consiglio regionale del Lazio, in collaborazione con la Fondazione Atena Onlus, presieduta dallo stesso Maira.

 

Il testimonial della campagna e' il comico romano Maurizio Battista. Secondo la fotografia scattata dal rapporto Ceis Don Picchi su 3 mila studenti delle scuole della Capitale, tra i 12 e i 18 anni, otto giovani romani su 10 fumano cannabis o assumono altre droghe. E il 75% ammette di far uso più o meno regolare di hashish o marijuana. Nove su dieci bevono nei weekend, il 45% superalcolici. "L'ippocampo - ha spiegato Maira - e' la struttura del cervello che maggiormente e' attaccata e subisce i danni di alcol e droghe. Ma sono riscontrabili alterazioni dell'area prefrontale e dell'amigdala, un po' alla volta chi consuma le droghe perde la memoria e il suo cervello funziona sempre meno bene".

 

"Il nostro obiettivo - osserva Maira - è educare e informare i più giovani sui danni che l'abuso di droghe e alcol provoca al cervello. In particolare, approfondiremo in modo scientifico i meccanismi attraverso cui l'assunzione di alcol e droga alterano il funzionamento cerebrale causando danni anche irreversibili e inducendo comportamenti anomali e pericolosi".

 

22 Maggio 2015 | ADNKronos

Codice Sconto