Salute

Salute: 3-21% bimbi russa, linee guida per cure anche dal dentista

Lo specialista riconosce sintomi apnee notturne e può intervenire con l'applicazione dei dispositivi

Roma, 5 apr. (AdnKronos Salute) - Russare la notte non è un problema solo dei grandi. Ma colpisce anche i più piccoli: la prevalenza dei disordini respiratori del sonno colpisce i bambini in età scolare in una percentuale variabile tra 1-6%. E la prevalenza del russamento, 'spesso' o 'ogni notte' (russatori abituali), varia dal 3% al 21% dei bambini. All'origine, la sindrome delle apnee ostruttive del sonno (Osas) che, se non trattata, porta ad una scarsa attenzione a scuola, sonnolenza diurna, problemi comportamentali, deficit di crescita staturale.

Fornire raccomandazioni e indicazioni 'evidence based' per la gestione odontoiatrica del russamento e della sindrome delle apnee ostruttive nel sonno nei bambini è l'obiettivo delle nuove Linee guida, approvate ieri dal Consiglio superiore di sanità (Css). Il documento è stato elaborato dagli esperti del Gruppo tecnico in materia di odontoiatria che opera al ministero della Salute, coordinato da Antonella Polimeni, direttore del Dipartimento ad attività integrata testa-collo del Policlinico Umberto I di Roma.

Secondo le linee guida "l’odontoiatra, in virtù dei controlli periodici di sua competenza, può riconoscere il russamento e l’Osas ed intervenire terapeuticamente con l’applicazione di dispositivi orali - evidenzia il documento - Durante l’esame clinico, l’odontoiatra deve porre attenzione alle caratteristiche cranio facciali connesse, alla respirazione orale, al volto allungato, al mento piccolo e retruso, all’affollamento dentale, al palato alto e stretto e, nella raccolta dell’anamnesi, è buona norma, che raccolga elementi in merito alla resa scolastica, alla capacità di concentrazione, all’eventuale presenza di enuresi notturna, allo scarso appetito, all’obesità e alle infezioni ricorrenti alle vie aeree".

Il percorso diagnostico e terapeutico che l’odontoiatra deve seguire in caso di paziente in età evolutiva con sospetto di russamento o sindrome delle apnee ostruttive nel sonno deve essere caratterizzato da un approccio multidisciplinare. "In tale contesto, il pediatra ha il ruolo di coordinatore, e può riferire il bambino in modo specifico ai fruitori del presente documento per le valutazioni diagnostiche o percorsi terapeutici di specifica competenza. L’odontoiatra - ricordano le linee guida - può essere delegato dal pediatra a percorsi diagnostici e terapeutici di sua competenza. I pazienti che presentano una morfologia craniofacciale e occlusale correlata con Osas, accompagnati da una storia di russamento, inabilità a respirare con il naso, allergie, asma, obesità, devono essere inviati al pediatra per una valutazione multidisciplinare".

"Poiché la sola valutazione clinica non è sufficiente per la diagnosi, è importante che la diagnosi venga eseguita con esame strumentale: la polisonnografia, che rappresenta il 'gold standard' per stabilire la presenza e la gravità dell’Osa", chiariscono gli esperti.

In conclusione, le linee guida auspicano "che vengano introdotte nozioni di 'Odontoiatria del sonno' nel piano di studi dei Corsi di laurea in Odontoiatria e protesi dentaria, attivi presso le università italiane e percorsi di formazione post-lauream dedicati. Gli odontoiatri che si occupano della terapia dei disturbi respiratori del sonno devono essere incoraggiati a continuare la loro formazione specifica con un aggiornamento continuo".

"Gli odontoiatri sensibilizzino maggiormente i genitori in tema di russamento e apnee notturne ostruttive del sonno - che possono comparire durante l’età evolutiva - concludono le linee guida, sì da poter più facilmente intercettare tali patologie e contribuire alla loro cura, stimolando anche l’adozione di corretti stili di vita".

5 aprile 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us