Salute

Salute: 150 minuti di passo svelto a settimana battono l'obesità

L'Adi lancia il 10 ottobre l'Obesity day 2015'

Roma, 29 set. (AdnKronos Salute) - Ritagliare 150 minuti a settimana per l'attività fisica, da una semplice camminata a passo svelto fino ad una seduta più tonica in palestra. E' questa la semplice regola da seguire per non finire vittime del sovrappeso o peggio dell'obesità. L’attività fisica è anche la parola d'ordine dell'Obesity day 2015, in programma il 10 ottobre, la giornata di sensibilizzazione e informazione sul tema obesità promossa tutti gli anni dall'Associazione italiana di Dietetica e Nutrizione clinica (Adi) tramite la sua fondazione.

Secondo recenti studi sembrerebbe, infatti, che stare sotto il livello di 150 minuti a settimana non modifichi significativamente il peso - osserva l'Adi - Livelli al di sopra determinano modesti decrementi (2-3 chilogrammi), mentre livelli compresi tra 225-420 dimostrano un calo ponderale dai 5 ai 7,5 kg, questo a dimostrazione della probabile esistenza di un rapporto dose-risposta per l'attività fisica.

"Praticata 2-3 volte a settimana, a una media intensità, l'attività fisica nei pazienti obesi o sovrappeso è un importante strumento terapeutico che influenza positivamente il calo ponderale, il mantenimento del peso perduto e migliora nei pazienti diabetici il compenso glicometabolico - afferma Giuseppe Fatati, presidente della Fondazione Adi - La persona obesa o in sovrappeso richiede un'attenta valutazione prima di iniziare un programma di esercizio fisico a causa delle frequenti patologie associate (cardiovascolari, respiratorie, osteo-articolari).

Rispetto alle persone normopeso "il soggetto con un girovita sovradimensionato - aggiunge Fatati - necessita di un approccio multidisciplinare che coinvolga, oltre al dietologo clinico, diverse figure come un cardiologo, un medico dello sport, un ortopedico o un fisioterapista per valutare l'impatto del programma e essere, infine, seguito da una figura professionale specializzata in scienze motorie".

È importante, precisa l'Associazione italiana di Dietetica e Nutrizione clinica (Adi), che così come nell’alimentazione anche nel movimento ci sia il giusto equilibrio nel dosaggio, per non affaticare troppo il fisico e anche per non cadere in un meccanismo di dipendenza, che può verificarsi sia con il cibo che con l’attività fisica. Infatti, chi pratica sport in maniera assidua e non agonistica, a volte può presentare sintomi quali l’irritabilità se non riesce a fare gli esercizi o tende a trascurare altri interessi, fino a far diventare il programma di allenamento l’unico obiettivo della giornata.

"In questo senso – conclude Fatati – è fondamentale favorire un’educazione e una cultura del movimento soprattutto nei giovani, ecco perché l'11 ottobre, il giorno dopo l''Obesity day', promuoveremo anche una passeggiata nei parchi e nei centri storici di tutto il Paese. In Italia e in Europa esistono già diversi programmi che, nati dalla collaborazione fra pubblico e privato, si stanno rivelando virtuose pratiche di educazione al movimento".

29 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us