Salute

Salute: 1 chicco d'uvetta svela se bebè andrà bene a scuola, test a 20 mesi

Roma, 23 nov. (AdnKronos Salute) - Un chicco d'uva passa e una tazza, per un semplicissimo test in grado di svelare il futuro scolastico del bambino. Una prova che, fatta a 20 mesi, indica le capacità di apprendimento che si avranno a 8 anni. A mettere a punto il metodo i ricercatori della scuola di medicina di Warwick, in Inghilterra, che hanno pubblicato il loro studio Journal of Pediatrics.

La prova consiste nel resistere alla tentazione di mangiare l'acino che, davanti agli occhi del piccolo, viene nascosto sotto la tazza. Chi resiste alla tentazione di mangiarla per 60 secondi, è destinato ad una brillante carriera scolastica. Il test è stato sperimentato su 558 bambini. Dopo aver nascosto l'uva sotto una tazza opaca gli studiosi hanno chiesto di attendere almeno un minuto prima di mangiarlo, per valutare la capacità di controllo: il 7% ha atteso meno di 10 secondi, il 39 tra gli undici e i 59 secondi e il 24% ha atteso oltre di 60 secondi. Si è notato che i piccoli nati pre-termine erano meno capaci di attendere rispetto a quelli nati a termine.

Tutti i bambini sottoposti al test sono stati, poi, controllati a distanza di tempo, all'età di 8 anni. Le loro competenze riguardo all'attenzione, all'ortografia, alla scrittura, alla matematica sono stati valutati con test standard. I ricercatori hanno quindi osservato che i bambini nati pretermine e quelli che avevano avuto meno controllo nei test a 20 mesi, avevano anche capacità scolastiche più deboli, in confronto ai nati a termine e a quelli che avevano meglio controllato l'impulso nel test dell'uvetta.

24 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us