Salute

Ritorno alla natura nella dieta, a Milano studio sulla restrizione calorica L'arma della meditazione che agisce sull'espressione dei geni dell'infiammazione

Berrino, se antenati ci lasciano patrimonio genetico noi possiamo influenzare attività geni con stile di vita

Milano, 4 feb. (AdnKronos Salute) - "Più un animale è evoluto, meno il suo Dna è codificato in geni: l'uomo ne ha solo 25 mila, laddove una piantina di riso ne ha ben 40 mila. Gran parte del Dna non è dunque nei geni (solo il 2-3% serve a codificare proteine). E il resto? Il resto contiene migliaia, forse milioni di interruttori per accedere e spegnere i geni". Parte dalla 'verità' consegnata agli scienziati dalla mappatura del genoma umano il messaggio lanciato oggi a Milano dal medico ed epidemiologo Franco Berrino: "Noi abbiamo il libero arbitrio - spiega all'Adnkronos Salute, in vista di un incontro promosso all'Istituto nazionale tumori (Int) del capoluogo lombardo per stasera, 4 febbraio - E' vero che i nostri geni non li cambia nessuno, li abbiamo ereditati dai nostri genitori, ma possiamo modificarne il funzionamento".

"Sono stati scoperti - prosegue - i meccanismi biochimici, molto complessi, attraverso cui il Dna non strutturato agisce su quello strutturato. Con il cibo che mangiamo, con il movimento, ma anche con la vita spirituale possiamo influenzare i meccanismi epigenetici e dunque l'azione dei nostri geni". Una sorta di sfida al 'Karma' armati di forchetta e forza del pensiero. Ma non si tratta di un'impresa filosofica alla 'Mangia, prega, ama', il best seller autobiografico della scrittrice Elizabeth Gilbert, ma di seguire gli indizi raccolti dalla scienza per impostare i propri stili di vita.

E la scienza racconta, per esempio, che la meditazione sembra avere un effetto sull'espressione genica. Un team internazionale di ricercatori, chiarisce Berrino che opera nel Dipartimento di medicina predittiva e per la prevenzione dell'Int, "ha analizzato un gruppo di meditatori esperti, sottoponendoli a un prelievo prima e dopo una sessione di meditazione di 8 ore", secondo la pratica della 'Mindfulness'. Dalla ricerca è emerso che "si inibiscono geni dell'infiammazione e che vengono modificati anche geni che regolano l'acetilazione degli istoni, enzimi che consentono o bloccano la lettura del Dna", continua l'esperto.

"Esistono ricerche anche sugli effetti epigenetici dello yoga, per il quale però è difficile distinguere fra l'azione fisica e mentale. Tutto questo - precisa Berrino - non significa che guariamo le malattie con la meditazione, ma solo che una pratica simile può servire. Molte nostre malattie dipendono da un'eccessiva infiammazione, come il cancro. Il messaggio ai pazienti è: abbiate fiducia nei progressi della medicina e sappiate che si possono aiutare le terapie con l'alimentazione, l'attività fisica e la meditazione". Senza considerare gli effetti preventivi e protettivi per la salute.

Sul cibo, sottolinea Berrino, "gli studi più convincenti sull'uomo riguardano la restrizione calorica: con meccanismi non del tutto chiari, attiva certi geni che fanno risparmiare energia e quindi rallenta anche la proliferazione cellulare. Sappiamo da anni che mangiando meno si vive di più".

Sono stati poi scoperti "una quantità di effetti formidabili a livello genetico delle sostanze presenti nei vegetali: la genisteina della soia, il resveratrolo dell'uva rossa, la curcumina, l'epigallocatechina del tè verde, l'acido ellagico di mirtilli, fragole, noci e melograni. Studi in vitro analizzano nel dettaglio i meccanismi benefici. Ma non è possibile catturare in una pillola la meravigliosa complicità di decine di migliaia di sostanze, presenti per esempio nella dieta mediterranea, che nel loro insieme hanno un'influenza epigenetica". L'unica via? "Prendiamo la pillola che ci ha messo a disposizione il padreterno, torniamo a mangiare la grande varietà di cibi vegetali, non raffinati dall'industria, che la natura ci offre - chiarisce Berrino - Torniamo in cucina, in campagna a raccogliere le erbe selvatiche che contengono una quantità di sostanze che si perdono nei nostri orti. Può sembrare retorico, ma non lo è".

"So che non è possibile - incalza Berrino - sganciarsi dalle logiche che ci impone la vita moderna, occorre solo riflettere su quello che mettiamo dentro di noi. Non dobbiamo per esempio mangiare solo cibo sterile, ma sforzarci di recuperare la semplicità del nostro cibo. La gente ha paura di perdere di tempo, però così possiamo riacquistare serenità, un fattore che di per sé modifica l'espressione dei nostri geni". Su questi fronti indaga l'Int di Milano con il progetto 'MeMeMe' (sindrome metabolica, dieta mediterranea, metformina), finanziato dall'European Research Council. "Stiamo arruolando volontari con la sindrome metabolica, senza gravi patologie pregresse: persone dai 55 anni in su con la pancia, pressione, glicemia e trigliceridi alti, e ancora alti livelli di colesterolo cattivo e bassi di quello buono. Ne abbiamo reclutati 300 e puntiamo a quota 2 mila".

L'obiettivo? "Cercare di farli morire di meno di infarto, o con Alzheimer e altre patologie croniche - spiega l'esperto - Protagonista il gene Ampk, fattore che si attiva mangiando meno o introducendo meno calorie. Metà dei soggetti arruolati assumeranno la pillola metformina che attiva questo gene, metà un placebo (in cieco)". Tutti seguiranno le stesse raccomandazioni alimentari (secondo il Codice europeo contro il cancro, e dunque dieta a prevalenza vegetale, con frutta e verdure di stagione, basata su cibi non raffinati e su una varietà di cereali integrali e legumi), "ma è prevista un'ulteriore suddivisione: un gruppo sarà seguito in maniera più intensiva e sarà aiutato di più con incontri mensili e corsi di cucina.

Alla fine andremo a vedere cosa succede in chi cambia stile di vita". Durata prevista dello studio: 5 anni.

4 febbraio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us