Salute

Ricerca: un campione di saliva per misurare il rischio di morte

Studio Gb ha studiato la presenza di un tipo particolare di anticorpi nei pensionati

Milano, 24 dic. (AdnKronos Salute) - Potrebbe bastare un test della saliva per sapere quanto resta da vivere a un pensionato, secondo una ricerca inglese pubblicata su 'Plos One'. Gli scienziati hanno infatti scoperto che la presenza di un particolare tipo di anticorpi, le immunoglobuline A (lgA), potrebbe essere un indicatore precoce di rischio. In particolare, a basse quantità di lgA corrisponderebbe una più alta probabilità di morte. Indagini più approfondite sulle cause del decesso hanno rivelato l'esistenza di un legame con la mortalità per cancro, in particolare per i tumori non respiratori.

I ricercatori dell'università di Birmingham che hanno condotto lo studio, ripreso dal 'Mirror', ritengono che il campione di saliva sia meno invasivo rispetto al prelievo di sangue e possa essere utilizzato anche come 'spia' di salute generale durante i normali check-up. Hanno preso parte al lavoro 639 scozzesi con un'età di 63 anni al momento del prelievo, avvenuto nel 1995. Dopo aver misurato i livelli di IgA, è stato monitorato il tasso di mortalità nei 19 anni seguenti. Le immunoglobuline sono secrete dai globuli bianchi, cellule chiave dei naturali meccanismi di difesa dell'organismo contro le infezioni.

"Ci sono una serie di fattori che possono influenzare la produzione corretta degli anticorpi e il mantenimento dei loro livelli - spiega Anna Phillips dell'università di Birmingham - Ce ne sono alcuni sui quali non abbiamo controllo come età, ereditarietà o malattie, ma anche il nostro stato generale di salute può avere un impatto su questi tassi: stress, dieta, attività fisica, alcol e fumo possono influenzare i livelli". Resta da capire "come usare i campioni di saliva durante i check-up, così come quale tasso di secrezione sia da considerare per quello che noi chiamiamo livello di protezione".

"Quello che possiamo dire con certezza - conclude l'esperta - è che livelli estremamente bassi di IgA sono un utile indicatore precoce del rischio". Secondo il gruppo di ricerca, il passo successivo è uno studio più ampio, per indagare il legame tra malattie infettive e lo sviluppo di patologie progressive come il cancro, per garantire una maggiore comprensione dei meccanismi alla base dell'associazione trovata nello studio.

24 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us