Salute

Ricerca: superfici di rame inattivano virus respiratori

Roma, 10 nov. (AdnKronos Salute) - Non è un nuovo farmaco l'ultima scoperta contro i virus respiratori. Bensì il rame. Una ricerca dell'Università di Southampton ha evidenziato che questo metallo può contribuire a prevenire efficacemente la diffusione dei microrganismi: nel caso di questa sperimentazione, quelli alla base della sindrome respiratoria acuta grave (Sars) e della sindrome respiratoria del Medio oriente (Mers).

I coronavirus animali che 'passano' agli esseri umani possono provocare infezioni gravi, con un alto tasso di mortalità. I ricercatori hanno scoperto che il coronavirus 229E può rimanere contagioso su molte superfici comuni per diversi giorni, ma viene rapidamente distrutto quando si trova sul rame. Nell'articolo, pubblicato su 'mBio', la rivista della American Society for Microbiology, si ricorda che il coronavirus umano 229E produce una vasta gamma di sintomi respiratori, dal comune raffreddore a disturbi molto più letali come la polmonite.

Ma anche se è in grado di sopravvivere a materiali come piastrelle di ceramica, vetro, gomma e acciaio inossidabile per almeno 5 giorni, su rame e una serie di leghe di rame, questo virus viene rapidamente inattivato. Una scoperta importante, dato che molte infezioni possono essere contratte toccando superfici contaminate da goccioline di saliva provenienti da persone infette, o dal semplice tocco di una mano.

L'esposizione al rame, assicurano gli studiosi, distrugge il virus completamente e irreversibilmente, e questo ha portato i ricercatori a concludere che superfici di rame antimicrobico dovrebbero essere impiegate nelle zone comuni e in tutte i luoghi di aggregazione, per contribuire a ridurre la diffusione dei virus respiratori e tutelare la salute pubblica.

10 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us