Salute

Ricerca: studi scientifici di successo? Possibili anche in età avanzata

In gioco il 'fattore Qp', un mix di talento, dedizione e fortuna

Roma, 4 nov. (AdnKronos Salute) - Giovani promesse o venerati maestri? La possibilità di produrre un'opera di alto impatto per uno scienziato è distribuita casualmente nel corso della sua carriera. In pratica, i lavori di successo possono arrivare all'inizio, da giovani, ma anche alla fine, dopo anni di 'onorato servizio' e persino alla soglia della pensione. E sarebbero il frutto di un semplice modello in cui la 'genialità' dello scienziato è legata a fattori diversi: talento e produttività, certo, ma anche fortuna. Lo rivela uno studio pubblicato oggi su 'Science' che porta la prima firma di una giovane ricercatrice italiana, la matematica Roberta Sinatra del Center for Network Science and Mathematics Department, Central European University di Budapest (Ungheria).

Precedenti ricerche sulla creatività avevano suggerito che le scoperte più importanti arrivano presto in una carriera, dopo di che la probabilità di firmare uno studio geniale si riduce, forse a causa di un appannamento dell'ingegno o del peso di crescenti compiti amministrativi. In realtà, però, i ricercatori sostengono che si sa poco sui tempi delle scoperte scientifiche. Per cercare di saperne di più, Sinatra e i colleghi, fra cui il celebre Albert-László Barabási della Northeastern University (Usa), hanno analizzato le carriere di migliaia di scienziati, analizzando le loro pubblicazioni scientifiche.

La valutazione del team ha confermato che molti scienziati pubblicano il loro lavoro più creativo e d'impatto nel giro di due decenni dall'inizio della carriera, ma anche che influenti pensatori 'sfondano' da giovani non perché giovane età faccia rima con creatività: piuttosto, gli scienziati giovani producono più lavori all'inizio della loro carriera. E proprio l'intensità della produzione è un elemento importante per arrivare a uno studio di alto impatto.

Il team ha esaminato tutte le pubblicazioni (oltre mezzo milione) di 2.887 fisici, più quelle di altri studiosi di diversi campi per un totale di oltre 10.000 nomi, in ordine cronologico, chiedendosi se il lavoro di maggior impatto firmato da ciascuno fosse tra le prime produzioni o meno. Risultato? "Raramente i primi studi sono quelli più geniali", spiegano. Invece "abbiamo scoperto che i maggiori successi sono distribuiti in modo casuale all'interno di una carriera".

Questo ha permesso al team di sviluppare un modello per prevedere l'impatto di una carriera scientifica sulla base di quello che hanno ribattezzato il fattore 'Qp': dove la Q sta per talento e produttività e la p per fortuna. Insomma, ogni scienziato ha un fattore Q particolare, e naturalmente incappa in particolari colpi di fortuna.

E alla fine se questi fattori si incrociano i risultati eccellenti "possono arrivare a qualunque età", concludono gli autori. Ma la stessa Sinatra spiega di non aver calcolato il suo 'fattore Qp': "Non sono ancora abbastanza avanti negli anni e ho solo 14 lavori" pubblicati. E in ogni caso, anche quando verrà il momento, la scienziata assicura che non vorrebbe calcolare il proprio fattore: "Non mi piace attribuire numeri agli esseri umani".

4 novembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us