Salute

Ricerca: sorrisi contagiosi anche quando si ricordano

Nel rievocare un'emozione ripercorriamo la sequenza motoria dell'espressione corrispondente

Roma, 7 gen. (AdnKronos Salute) - I sorrisi sono contagiosi, anche quando si tratta di ricordarli. Lo rivela uno studio condotto da un team della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa) di Trieste: per ricordare un'emozione (positiva, ma anche negativa) 'ripercorriamo' infatti la sequenza motoria dell’espressione facciale corrispondente a quell’emozione. In poche parole: per ricordare un sorriso noi sorridiamo.

Più in dettaglio, con lo smile ricordiamo la felicità, facciamo una smorfia per rivivere il dolore, aggrottiamo le sopracciglia per ricordare la rabbia: "Le teorie dell’emozione incorporata, embodied in inglese, sostengono che per capire un'emozione riproduciamo prima i movimenti del viso dell’espressione provocata da quell’emozione", spiega Jenny Baumeister, ricercatrice della Sissa. "In pratica, se osserviamo qualcuno che sorride, per comprendere ciò che prova sorridiamo a nostra volta. Abbiamo applicato questa osservazione nel campo della memoria e abbiamo testato se la stessa cosa poteva essere vera anche quando si cerca di ricordare un'emozione".

Baumeister è la prima autrice dello studio appena pubblicato su 'Acta Psychologica', che ha verificato se la riproduzione dell’espressione emotiva, come sorridere o aggrottare la fronte per esempio, aumenta la capacità di ricordare l’emozione corrispondente. Negli esperimenti i soggetti hanno risposto a un test di memoria sulle emozioni.

Per controllare le espressioni del viso i ricercatori hanno usato un espediente: nel momento in cui i volontari dovevano ricordare, potevano avere la faccia completamente libera, oppure 'bloccata' con una maschera di argilla "molto simile a quelle che si usano normalmente in cosmetica. L'argilla, una volta spalmata sulla faccia, si indurisce e ostacola le espressioni", spiega Francesco Foroni, neuroscienziato della Sissa e fra gli autori dell’articolo.

I risultati sono chiari: la prestazione nei test mnemonici con la faccia bloccata è significativamente peggiore rispetto a quando i volontari avevano il viso libero. "I dati confermano l’ipotesi che 'ripetere' il pattern motorio associato all’emozione agevola il ricordo. Questo ci fa pensare che anche in fase di immagazzinamento dei ricordi l’informazione motoria viene codificata in memoria e riutilizzata nel recupero", spiega Raffaella Rumiati, che ha coordinato questo studio.

7 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us