Salute

Ricerca: social network assolti, no link con autolesionismo

Studio italiano presentato a Berlino

Palermo, 15 lug. (AdnKronos Salute) - Non vi è nessuna correlazione fra l'utilizzo dei social network e l'insorgenza di autolesionismo - l'atto di procurare a se stessi ferite, escoriazioni, bruciature, sofferenza - pratica tristemente nota fra gli adolescenti e giovanissimi utenti della rete anche a causa di hashtag come #cutting e #selfharm, utilizzati su piattaforme come Tumblr e Twitter. E' il risultato di uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori italiani, nato dalla collaborazione fra l'Universita' Iulm di Milano, l'Universita' ''Kore'' di Enna e Iescum - Istituto Europeo per lo Studio del Comportamento Umano, che verrà presentato domani a Berlino.

Occasione la tredicesima conferenza mondiale dell'Acbs - Association for Contextual Behavioral Science, evento che riunisce psicologi, analisti del comportamento, esperti in scienze del comportamento, provenienti da tutto il mondo. Due anni di ricerca, oltre 500 gli utenti della rete coinvolti: blogger, youtubers, iscritti a Twitter o Pinterest. Lo studio - coordinato da Giovambattista Presti, Professore Associato presso l'Universita' ''Kore'' di Enna, e da Paolo Moderato, Ordinario di Psicologia Generale presso l'Universita' Iulm di Milano, presidente di Iescum - Istituto Europeo per lo Studio del Comportamento umano - ha condotto alla realizzazione di una tesi di laurea triennale, elaborata da Martina Algozino, studentessa presso la 'Kore', ed ad un primo poster che verra' presentato per la prima volta al pubblico della conferenza berlinese.

15 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us