Salute

Ricerca: se la slot avesse un 'cuore'? Così giocatori perdono più soldi

Lo studio, umanizzare macchine porta a incrementare giocate fino a 50% e a dilapidare più denaro

Milano, 21 set. (AdnKronos Salute) - Quando un giocatore comincia a parlare con la slot machine, pensando di avere davanti un essere umano pensante, può iniziare a preoccuparsi per le sue finanze. Lo suggerisce uno studio del Dipartimento di psicologia dell'università degli Studi di Milano-Bicocca, pubblicata sul 'Journal of Experimental Psychology: Applied'. Secondo gli autori umanizzare le macchine da gioco porta incrementare le giocate fino al 50% e a perdere maggiori somme di denaro. La ricerca prende le mosse dalla naturale e diffusa tendenza degli esseri umani all'antropomorfismo.

Il team composto dai ricercatori Paolo Riva, Simona Sacchi e Marco Brambilla dell'ateneo milanese si è dunque chiesto se c'è un collegamento tra l'antropomorfizzazione delle slot machine e il comportamento nel gioco d'azzardo. Su questa ipotesi sono stati condotti 5 studi con il coinvolgimento di oltre 400 persone. Nel primo esperimento è stato chiesto a un gruppo di non giocatori abituali (la cui spesa media settimanale alle slot era pari a zero) e a un gruppo di giocatori abituali (la cui spesa media settimanale alle slot era di oltre 100 euro) di valutare una serie di caratteristiche che possono essere attribuite alle slot machine. Risultato: il gruppo degli habitué tendeva, in una misura maggiore di oltre il 50% rispetto all'altro gruppo, a percepire la macchina da gioco come un essere pensante.

Nei successivi 4 esperimenti, in cui sono stati coinvolti studenti dell'ateneo perlopiù non giocatori, i ricercatori hanno invece indagato se l'umanizzazione delle slot machine potesse incentivare il gioco d'azzardo. A metà dei partecipanti è stata presentata una macchina accompagnata da una descrizione con un alto grado di antropomorfizzazione ("Ricorda che la slot machine può decidere se farti vincere o perdere quando vuole lei"); all'altra metà la stessa slot è stata descritta con un basso grado di umanizzazione (spiegando che è "regolata da un algoritmo matematico pre-programmato per erogare un certo numero di vincite e di perdite").

I partecipanti sono poi stati invitati a giocare online e lasciati liberi di lasciare l'interfaccia quando volevano, mentre un programma nascosto contava il numero di giocate effettuate. I risultati hanno mostrato che chi era stato esposto alla descrizione antropomorfa della slot ha giocato di più, per un incremento medio del 45% del numero di giocate, rispetto all'altro gruppo. Non solo: quando i ricercatori hanno fornito ai partecipanti una certa quantità di denaro (5 euro), hanno riscontrato che l'antropomorfizzazione portava a maggiori perdite: chi giocava con la slot machine umanizzata chiudeva con circa 3 euro in tasca, mentre chi giocava con la slot non umanizzata portava a casa quasi 4,50 euro.

Gli esperimenti, spiegano gli esperti, confermano che se si pensa di interagire con un'altra 'mente' vi è un maggiore coinvolgimento emotivo e si è più inclini a ragionare in termini di sfida. "La ricerca - commenta Riva - mostra uno dei possibili fattori che porta le persone a dedicarsi a questa forma di gioco d'azzardo: l'umanizzazione della macchina. Al tempo stesso, suggerisce che per ridurre il comportamento di gioco, e le relative perdite economiche dei giocatori, bisogna eliminare tutte le caratteristiche che inducono alla sua antropomorfizzazione. Le slot machine andrebbero presentate per quello che sono: non una persona, non una mente, ma semplicemente una macchina costruita per far guadagnare chi la gestisce".

21 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us