Salute

Ricerca: scoperto interruttore della fame, cellule nel cervello dicono stop

Studio sui topi, se mancano l'animale si abbuffa e diventa obeso

Roma, 18 mar. (AdnKronos Salute) - Scoperto l'interruttore della fame, un nucleo di cellule nel cervello che fa smettere di mangiare quando si è sazi. A imbattersi quasi per caso in questo 'interruttore', mentre studiavano il sistema di apprendimento e memoria, sono stati gli scienziati della Johns Hopkins University School of Medicine, nel corso di una ricerca sui topi. Al centro del lavoro un nuovo tipo di cellule nervose che sembra controllare i comportamenti alimentari nei topi. La scoperta, spiegano su 'Science', aggiunge dettagli significativi al modo in cui il cervello ci dice quando smettere di mangiare. Se i risultati sui topi saranno confermati negli esseri umani, questa scoperta potrebbe portare a nuovi strumenti per la lotta all'obesità.

"Quando il tipo di cellule del cervello che abbiamo scoperto si accende e manda alcuni segnali, i nostri topi di laboratorio smettono di mangiare", racconta Richard Huganir, direttore del Dipartimento di Neuroscienze presso la Johns Hopkins University School of Medicine. "I segnali sembrano dire ai topi che hanno mangiato abbastanza". Il team stava indagando sul ruolo dell'enzima Ogt, un catalizzatore biologico coinvolto in molte funzioni corporee, compreso il metabolismo dell'insulina e la chimica di zucchero. Per questo il ricercatore Olof Lagerlöf aveva eliminato il gene che codifica per Ogt dalle cellule nervose primarie dell'ippocampo e della corteccia di topi adulti. Notando così che i topi avevano raddoppiato il proprio peso in appena tre settimane.

Quando l'équipe ha monitorato i modelli di alimentazione degli animali, ha scoperto che quelli privi di Ogt hanno ingurgitato più calorie a ogni pasto, rispetto ai 'fratelli' normali. Quando però il quantitativo di cibo è stato limitato a quello di una normale dieta 'da laboratorio', non hanno più guadagnato peso. "Questi topi non capiscono di aver avuto cibo a sufficienza", dice Lagerlöf.

Poiché l'ippocampo e la corteccia non regolano direttamente comportamenti alimentari in roditori o altri mammiferi, i ricercatori hanno cercato altre modifiche nel cervello dei roditori obesi, in particolare nell'ipotalamo, chiave per temperatura corporea, alimentazione, sonno e metabolismo. Lì hanno trovato che l'enzima mancava in un piccolo sottoinsieme di cellule nervose all'interno di un cluster di neuroni: il nucleo paraventricolare.

I risultati suggeriscono che "in queste cellule Ogt aiuta a mantenere in vita le sinapsi", spiega Huganir. Ma anche "che queste cellule sono responsabili dell'invio del messaggio di smettere di mangiare". Se mancano, in pratica si finisce per abboffarsi, accumulando peso.

"Ci sono ancora molte cose su questo sistema che non conosciamo - conclude Lagerlöf - ma crediamo di aver trovato un nuovo interruttore" in grado di controllare l'appetito.

"Se i nostri risultati saranno confermati su altri animali e sull'uomo, potranno aprire la strada alla ricerca di farmaci o altri mezzi per controllare la fame".

18 marzo 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us