Salute

Ricerca: scoperta l'ora di punta delle cellule, cambierà assunzione farmaci

Picco attività all'alba e al tramonto, saperlo permetterà di 'tarare' orario terapie

Milano, 29 ott. (AdnKronos Salute) - Come le vie trafficate di una grande città, anche le cellule del nostro corpo hanno un''ora di punta'. Anzi un paio: più o meno in corrispondenza dell'alba e del tramonto sono più attive che nel resto del giorno e della notte. Lo ha scoperto un gruppo di scienziati dell'università americana della Pennsylvania, che in uno studio condotto sugli animali e pubblicato su 'Pnas' ha monitorato nel corso delle 24 ore l'attività genetica - quindi la funzione - delle cellule di 12 tipi di tessuti. Dal rene al fegato, dal polmone all'aorta, dal cuore al cervello, dal grasso ai muscoli scheletrici. I risultati della ricerca hanno applicazioni pratiche: in particolare, possono aiutare ad assumere i farmaci nell'orario più giusto, quando la speranza di efficacia è massima. Per esempio, le statine anticolesterolo andrebbero prese di sera.

E' noto l'influsso che il nostro orologio biologico interno esercita su elementi come variazioni di umore, resistenza fisica, stato di allerta, o sul rischio di attacchi di cuore. In un esperimento sui topi, John Hogenesch e colleghi hanno esaminato l'impatto dei diversi momenti della giornata sull'attività del Dna. Ogni 2 ore hanno controllato le funzioni dei campioni dei diversi tessuti, scoprendo che il 43% dei geni coinvolti nella produzione di proteine modificava la propria attività nell'arco del giorno. Poiché diversi geni regolano attività differenti in più di un tessuto, la stima conservativa degli scienziati è che oltre la metà dei geni hanno fluttuazioni di attività nelle 24 ore. L'organo più dinamico è risultato il fegato, con 3.168 geni diversamente attivi in base all'orario considerato, contro i 642 geni condizionati dall'ora rilevati nell'ipotalamo, all'interno del cervello. Nello studio sono state osservate in particolare 2 finestre di 'iperattività': alba e tramonto.

E' noto che alcuni farmaci funzionano meglio se assunti in determinati momenti del giorno. Per esempio, poiché le malattie del cuore sono associate a 'tappi' di colesterolo che si formano nelle arterie, e siccome questo grasso viene fabbricato nel fegato di notte, assumere le statine di sera le rende più efficaci. Gli autori dello studio calcolano che, nella 'top 100' dei medicinali essenziali classificati dall'Organizzazione mondiale delle sanità, più della metà (56) agiscono su geni 'orologio-sensibili'. Geni, cioè, la cui attività subisce oscillazioni nell'arco della giornata. "Spero che sia possibile utilizzare queste informazioni per programmare schemi terapeutici migliori con i farmaci già disponibili sul mercato", spiega Hogenesch alla Bbc. Una prospettiva ancora più intrigante perché non comporta costi aggiuntivi, osserva l'autore.

Simon Archer, esperto di cronobiologia dell'università del Surrey (Gb), concorda sulle potenzialità aperte dal nuovo lavoro: "Se il 40-50% dei geni ha un'attività che oscilla durante le 24 ore", saperlo "può essere molto importante.

Migliaia, milioni di persone potenzialmente potrebbero trarre benefici semplicemente cambiando l'orario di assunzione di una terapia". Riflette Andrew Loudon dell'università britannica di Manchester: "Le compagnie farmaceutiche fanno di tutto per allungare la durata d'azione di pillole che possono essere assunte una sola volta al giorno, ma abbiamo bisogno di terapie mirate con una breve emivita, ossia che restino attive il tempo giusto per esercitare al massimo la propria azione con il minimo di effetti collaterali". Conoscere la 'finestra' utile in cui assumerli potrebbe essere determinante.

29 ottobre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us