Salute

Ricerca: scoperta 'firma' microbica per svelare autori di crimini sessuali

Roma, 16 dic. (AdnKronos Salute) - Impronte digitali 'microbiche' per individuare gli autori di crimini sessuali. Le comunità batteriche che vivono su peli pubici di un individuo sono uniche e caratteristiche, e potrebbero essere utilizzate per rintracciare il coinvolgimento di un sospetto in casi di violenza sessuale. E' quanto emerge da uno studio pubblicato su 'Investigative Genetics'.

I peli sono fra le tracce più comuni raccolte durante le indagini forensi, ma la maggior parte di quelli recuperati da scene del crimine - capelli inclusi - non hanno radici e dunque contengono quantità insufficienti di materiale genetico per realizzare i profili dei sospetti. Un approccio alternativo potrebbe essere quello di individuare di una 'firma' microbica. Diverse aree del nostro corpo ospitano distinte comunità di microbi, o microbioti, ma proprio le differenze significative tra le comunità che 'abitano' le singole persone possono offrire profili batterici unici per gli investigatori.

Nel primo studio di questo tipo, i ricercatori hanno scoperto che i peli pubici hanno il maggior potenziale per le indagini forensi: possono svelare se il proprietario è maschio o femmina, ma anche puntare il dito su un soggetto particolare, sulla base proprio dei batteri presenti sui peli. Gli scienziati hanno anche scoperto che il microbiota dei peli pubici di un individuo sembra trasferirsi durante il rapporto sessuale, suggerendo il suo potenziale utilizzo per l'analisi forense sui casi di violenza sessuale.

L'autore principale del lavoro, Silvana Tridico della Murdoch University, in Australia, è ottimista: "L'avvento dei test del Dna ha portato ad un aumento degli autori di crimini sessuali che usano il preservativo" per non lasciare tracce. "Questo studio mostra che il trasferimento di batteri tra vittima e autore del reato, in casi di stupro, può fornire un nuovo modo di collegare il colpevole a chi ha subito l'aggressione, nei casi in cui non c'è trasferimento di Dna umano".

Nel piccolo studio, sette soggetti (tre maschi e quattro femmine, fra cui una coppia convivente) sono stati sottoposti ad esami su campioni di peli pubici e di capelli. Le analisi hanno permesso di identificare il Dna microbico di ciascuno, e gli esami sono stati seguiti da aggiornamenti nei due e nei cinque mesi successivi. I capelli hanno mostrato un minor numero di distinte varietà di microbi. Al contrario dei i peli pubici: questi ospitano comunità distinte di microbi, con circa 73 diverse varietà per i maschi e 76 per le femmine. Insomma, secondo i ricercatori questi elementi potrebbero essere utilizzati come firme microbiche in grado di identificare i soggetti.

Inoltre si è visto che con il passar del tempo, ovvero dopo 5 mesi, e dopo un rapporto sessuale, i microbioti dei conviventi erano più simili tra loro rispetto al passato. Uno 'scambio' che rafforza l'idea di usare questi elementi per individuare gli autori di crimini sessuali.

16 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us