Salute

Ricerca: policitemia vera, Italia in prima linea per studio cause e terapie

Rimini, 20 ott. (AdnKronos Salute) - Sventola una bandiera tricolore sulle pietre miliari che hanno segnato - e stanno ancora segnando - la storia di una malattia del sangue molto complessa: la policitemia vera, neoplasia mieloproliferativa cronica dovuta a un'alterazione delle cellule del midollo osseo, che porta a una proliferazione incontrollata prevalentemente dei globuli rossi. A ricostruire le svolte che si sono susseguite nella ricerca, e il contributo della scienza 'made in Italy', sono proprio alcuni degli ematologi del Belpaese che hanno dedicato in prima persona anni di studi alla malattia e che sono parte di questa storia.

"Da buon italiano, devo dire che la ricerca tricolore è stata estremamente importante in questo settore", evidenzia Alessandro Maria Vannucchi, professore associato di Ematologia dell'università degli Studi di Firenze, oggi a margine di un simposio scientifico sulle malattie mieloproliferative croniche, organizzato nell'ambito del XIV Congresso nazionale della Società italiana di ematologia sperimentale (Sies), in corso fino a domani a Rimini. Un contributo che affonda le sue radici "indietro negli anni. In Italia c'è sempre stato un forte gruppo e una forte sinergia fra le diverse scuole ematologiche nel settore specifico delle malattie mieloproliferative croniche - dice l'ematologo - E l'Italia ha certamente segnato alcuni dei momenti più importanti, prima nella conoscenza dei meccanismi di base della patologia, contribuendo anche alla scoperta della mutazione del gene Jak2", presente nel 95% circa dei pazienti con policitemia vera e in diverse percentuali in altre patologie della stessa famiglia.

E poi, prosegue Vannucchi, sempre gli specialisti italiani hanno avuto un ruolo importante "segnando alcuni aspetti fondamentali nella gestione terapeutica dei pazienti. E' di gestione italiana lo studio europeo che ha stabilito l'importanza dell'aspirina a basse dosi nella prevenzione degli eventi trombotici. E' tutto italiano e non profit, quindi del tutto indipendente, lo studio che ha stabilito il valore di ematocrito del 45% come miglior livello da mantenere". Più di recente c'è il contributo agli studi su una nuova target therapy, "ruxolitinib, un farmaco inibitore di Jak1 e Jak2, che ha come bersaglio molecolare appunto la mutazione presente pressoché in tutti i pazienti con policitemia vera", spiega Francesco Passamonti, professore di Ematologia dell'università dell'Insubria di Varese.

Gli studi, condotti su malati con policitemia vera resistenti o intolleranti all'idrossiurea, terapia di prima linea, "si chiamano Response e Response-2 e - racconta lo specialista - sono un po' un vanto italiano: Vannucchi è primo autore del paper pubblicato sul 'New England Journal of Medicine' nell'aprile dell'anno scorso sullo studio Response, e io stesso ho in corso di pubblicazione su 'Lancet Oncology', a breve, un paper sul Response-2".

In queste malattie dunque, ribadisce Passamonti, l'Italia "è leader da tantissimi anni. Tiziano Barbui, di Bergamo, è stato fra i primi esperti più importanti che hanno lavorato sulla policitemia vera. Sul fronte della ricerca, sia dal punto di vista degli aspetti biologici che dal punto di vista terapeutico, abbiamo dato un contributo notevole sia sulla policitemia che sulla mielofibrosi. Vi sono tanti centri, come quello di Bologna, e i centri romani e di tutta Italia, che hanno contribuito moltissimo all'arruolamento dei pazienti, con la missione di cambiare la storia di questi malati e di una patologia che ha tutti i problemi delle malattie rare, ma per la quale abbiamo per fortuna identificato le basi molecolari. Un traguardo che - conclude - ha favorito lo sviluppo di una personalizzazione della cura".

21 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us