Salute

Ricerca: piangere davanti a un film fa bene, dopo si è più felici

Roma, 25 ago. (AdnKronos Salute) - Se ridere è la migliore medicina, anche un bel pianto può avere un effetto positivo. Almeno se ci si commuove davanti a un classico film strappalacrime. Secondo una recente indagine, infatti, chi ha pianto è più felice, 20 minuti dopo, rispetto a chi è rimasto a ciglia asciutte. Nella ricerca, pubblicata su 'Motivation and Emotion' e descritta sul 'Daily Mail', un gruppo di volontari ha visto 'La vita è bella' o 'Hachico - Il tuo miglior amico'. Il film che è valso l'Oscar a Roberto Benigni ha fatto piangere il 45% degli spettatori, mentre la storia del cane devoto il 60%.

Ma la scoperta più interessante è che, 20 minuti dopo la visione, chi aveva pianto è risultato più felice e si è sentito meglio rispetto agli altri spettatori. E dopo un'ora stava ancora meglio. Secondo Asmir Gracanin della Tilburg University piangere può scatenare il rilascio dell'ormone del buonumore. Insomma un buon pianto alla fine è un sistema per sentirci meglio.

25 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us